Processo Ruby: la sentenza arriverà dopo le elezioni

Gli avvocati di Berlusconi minacciano di rimettere il mandato

di guido

Trovata la mediazione al processo Ruby, l’ultima udienza è fissata per l’11 marzo, quindi la sentenza arriverà dopo le elezioni. Gli avvocati di Berlusconi, Longo e Ghedini, stavolta hanno avuto la meglio dopo la bocciatura della scorsa settimana, e per farlo si sono dovuti esporre in prima persona. Infatti sono entrambi candidati, uno alla Camera e l’altro al Senato, e hanno quindi chiesto la sospensione del processo per poter svolgere la campagna elettorale. In caso di mancata sospensione, Longo e Ghedini hanno annunciato che avrebbero rinunciato al mandato (cosa che avrebbe comunque richiesto tempi tecnici e quindi in ogni caso un rinvio).

Cambia così il calendario del procedimento in cui Silvio Berlusconi è imputato per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile. Lunedì prossimo, 28 gennaio, sarebbe dovuta iniziare la requisitoria del pm Ilda Boccassini, dopodiché i giudici avrebbero fissato la data della sentenza, che a quel punto sarebbe capitata immediatamente a ridosso delle elezioni. Nella nuova formulazione, per lunedì prossimo è rimasto fissato l’interrogatorio della madre di Ruby, il 4 febbraio verranno ascoltati altri eventuali testi, mentre resta in dubbio l’udienza dell’11 febbraio.

In quella data Ilda Boccassini vorrebbe tenere comunque la requisitoria, ma su questo è nato uno scontro tra la procura e il collegio giudicante. I giudici, dopo aver accolto la richiesta di rinvio della sentenza degli avvocati del Cavaliere, hanno anche chiesto ai pm se non fosse il caso di prendere una “pausa di riflessione” e rimandare anche la requisitoria alla prima data utile dopo il voto, quindi il 4 marzo.

La Boccassini però ha rifiutato, dicendo di non avere bisogno di pause e che è ingiusto scaricare totalmente sulla Procura il “peso eccessivo di un rinvio”. Quindi resta ancora la calendarizzare la requisitoria, che quasi certamente si svolgerà prima delle elezioni, mentre quel che è certo è che l’ultima udienza del processo, e quindi la sentenza, resta fissata per l’11 marzo. La settimana scorsa, gli avvocati di Berlusconi avevano ottenuto il rinvio a dopo il voto anche della sentenza per il processo Unipol.

Foto © Getty Images

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →