Scuola, iscrizioni online da oggi 21 gennaio 2013: ancora disservizi. L’avviso sul sito

La procedura online continua fino al 28 febbraio 2013. E’ l’unico modo per fare domanda. Prevista assistenza per chi non dispone di una connessione a internet.

di

14.23: i disservizi continuano e il sito per le iscrizioni prosegue a funzionare a singhiozzo.

Così, sulla home page è apparso questo avviso, che palesemente è volto a rassicurare chi continua a tentare l’accesso per avviare la procedura di iscrizione senza successo:

«Si ricorda alle famiglie interessate all’iscrizione on line che la procedura rimarrà aperta fino al 28 febbraio 2013 e che è possibile operare 24 ore su 24, tutti i giorni, compresi il sabato e la domenica.
Si sottolinea che la data di presentazione della domanda di iscrizione on line non rappresenta requisito di priorità nell’accoglimento della stessa da parte della scuola».

10.15: secondo l’Ansa, il Ministro Profumo, impegnato nel Viaggio della Memoria ad Auschwitz, ha dichiarato che le iscrizioni effettuate regolarmente sono già 5mila.

Il sito continua a funzionare a singhiozzo.

9.50: Elio Tondo, consulente IT esperto in architetture e applicazioni di rete, commenta così la notizia che ho condiviso sul mio profilo Facebook e abbozza, con le poche informazioni a disposizione (ovvero, il comportamento del sito dal punto di vista dell’utente), una spiegazione plausibile delle ragioni del malfunzionamento:

«Non è che dal messaggio di errore si riesca a dire molto di più; fra l’altro l’errore sembra indicare che quella particolare risorsa non è disponibile, ma se su Polisblog.it scrivono che a volte si riesce a entrare ma poi andando avanti torna fuori l’errore, è ragionevole che sia un problema di carico. Ho anche provato a ricaricare più volte la pagina con l’errore, e alla fine in effetti è comparsa la schermata corretta, ma poi provando ad andare sulla registrazione utente viene fuori un errore simile, e qui non sono riuscito a vedere neanche una volta la pagina. Ricaricando, i tempi di attesa prima dell’errore non sono lunghi ma variano parecchio, da una frazione di secondo a diversi secondi, e questo indice a pensare che il sistema si comporti a ogni richiesta in modo dipendente dal numero di richieste contemporanee che sta ricevendo (ovvero, va in errore più o meno velocemente). Per cui direi che l’ipotesi che ho fatto è ragionevolmente confermata: sottodimensionamento delle risorse di calcolo dei server che sono stati configurati per erogare questo servizio. Notoriamente le applicazioni Java sono piuttosto pesanti in termini di risorse, ma consentono la scalabilità ripartendo il carico su più unità di elaborazione in parallelo; problemi simili si vedono a volte sulle applicazioni di home banking, ricordo ad esempio anni fa quando Unicredit rinnovò il suo sistema online, e all’inizio c’erano spesso dei momenti di lentezza esasperante, tanto che arrivarono a mettere una specie di “semaforo” che con i colori verde, giallo e rosso indicava lo stato di “salute” del sistema! Poi evidentemente fecero aumentare adeguatamente le risorse di elaborazione, e le prestazioni diventarono più che accettabili».

8.40: il modulo per le iscrizioni risulta offline.

Nell’immagine, ecco la schermata che appare cliccando sulla dicitura Iscrizioni online.

Il sito funziona, a dire il vero, a singhiozzo: a tratti si riesce a entrare nella prima schermata, ma poi non si riesce a proseguire.

Come fu per il censimento, va detto che è facile immaginare che ci sia un eccesso di accessi al database e che ciò generi il “down”: d’altro canto, c’è tempo fino al 28 febbraio per ultimare la procedura. Ma il dato di fatto, ancora una volta, è che l’Italia, qualunque passo faccia verso la digitalizzazione, lo fa in maniera impreparata.

Il down del primo giorno è una regola, non un’eccezione.

Scuola: da oggi iscrizioni online per l’a.s. 2013-14

Se si parla di scuola non si parla solamente del concorsone, ma si parla anche di iscrizioni all’anno scolastico 2013-2014.

La spending review voluta dal Governo Monti, infatti, è stato stabilito che le domande di iscrizione si debbano fare obbligatoriamente online, attraverso il sito www.iscrizioni.istruzione.it.

La legge che stabilisce questa modalità è la n. 135 del 7 agosto 2012, ed è una novità introdotta progressivamente fin dallo scorso anno.

La pagina web realizzata dal Ministero prevede che la famiglia possa essere guidata nel percorso dell’iscrizione, dalla registrazione fino all’inoltro del modulo da inviarsi alla scuola desiderata.