Sei Nazioni 2013: Grand’Italia! Battuta l’Irlanda!!!

Si è appena conclusa l’ultima sfida dell’RBS 6 Nazioni 2013 degli azzurri all’Olimpico di Roma.

Emozioni e grande rugby oggi all’Olimpico per l’ultima partita dell’Italia nell’RBS Sei Nazioni 2013. Dopo un avvio furioso degli irlandesi, infatti, è quasi solo Italia in campo, che conferma tutte le buone cose viste in questo torneo, ma anche l’incapacità di uccidere il match quando ne ha l’occasione.

Si inizia con una serie di calci all’Olimpico e Italia che nei primi due minuti commette due infrazioni che portano subito gli ospiti in attacco. Così al 5′ un nuovo fallo azzurro, con l’Irlanda che fino a quel momento domina territorialmente, manda Paddy Jackson sulla piazzola per la prima occasione per smuovere il risultato. E l’apertura non sbaglia. Italia che continua a soffrire, perde un ovale e gli ospiti spingono, si infilano nelle maglie larghe della difesa italiana, anche se non concretizzano i primi possessi nei 22 azzurri. Una buona touche rubata da Furno salva l’Italia che esce quasi illesa dai primi dieci minuti di sola Irlanda a Roma. Con una grande maul gli azzurri arrivano fino a un passo dall’area di meta irlandese al 13′, poi subiscono fallo e Orquera può impattare il risultato. Sull’onda dell’entusiasmo alla ripresa del gioco bell’azione di Gori e Parisse, ma manca il sostegno e il capitano azzurro è obbligato al tenuto. E’ però un’altra Italia ora che impone il suo gioco e obbliga l’Irlanda sulla difensiva, anche se gli azzurri guadagnano poco terreno. Al 19′ un fallo irlandese sui 10 metri ospiti manda Luciano Orquera sulla piazzola che però prende il palo, chiudendo così il primo quarto in parità.

Poco dopo gli ospiti sono costretti a un nuovo fallo su una folata azzurra e l’apertura azzurra può farsi perdonare e non sbaglia. E’ sulla direttiva Zanni-Parisse che l’Italia mette in seria difficoltà l’Irlanda, ma manca il colpo finale e l’Italia spreca un paio di attacchi che dovevano venir gestiti meglio dagli azzurri. Italia che gioca, ma che commette troppi errori e al 26′ un tenuto azzurro manda l’Irlanda sulla piazzola, anche se gli ospiti perdono in un minuto per infortunio due trequarti, Keith Earls e Luke Marshall e Paddy Jackson sbaglia. Alla mezz’ora, a peggiorare la situazione per l’Irlanda, un brutto stamping di Brian O’Driscoll costa al centro irlandese un meritato cartellino giallo. Italia che spreca troppo in attacco e permette agli ospiti di non pagare pegno nonostante l’inferiorità numerica e il dominio territoriale dell’Italia. Un nuovo fallo manda questa volta Gonzalo Garcia sulla piazzola da quasi metà campo e l’italoargentino non sbaglia. E, intanto, continua la maledizione per i trequarti irlandesi, con Luke Fitzgerald obbligato a dare forfait dopo solo 10 minuti di gioco e la terza linea O’Mahony spostato all’ala. Ma a tempo quasi scaduto l’Irlanda accorcia dalla piazzola e si va negli spogliatoi sul 9-6 per l’Italia che avrebbe sicuramente meritato un vantaggio maggiore.

L’avvio di ripresa è un ping pong infinito che Masi conclude con un calcio che obbliga l’Irlanda ad andare in touche nei propri 22, dando la prima occasione della ripresa agli azzurri, ma ancora una volta un errore italiano non permette ai padroni di casa di concretizzare. Ma è solo Italia in campo, con l’Irlanda schiacciata nei propri 22 che non riesce a uscire dalla metà campo e deve limitarsi a difendere in maniera a volte anche disperata. Ma al 49′ l’ennesimo, prolungato, attacco azzurro porta l’ala Venditti a ripartire da una ruck e a schiacciare in meta. Barnes si consulta col Tmo e assegna la meta che Orquera trasforma per il 16-6 azzurro. Ma a riaprire il match, poco dopo, uno sgambetto di Sergio Parisse che costa al capitano azzurro il cartellino giallo e permette a Paddy Jackson di accorciare il distacco a -7. L’Italia attacca, pressa l’Irlanda, ma continua a commettere errori che le costano caro e al 57′ un tenuto di Furno rimanda Jackson sulla piazzola che non sbaglia.

L’Italia entra nell’ultimo quarto molto stanca ed è l’Irlanda ora a rendersi pericolosa. Gli azzurri difendono forte sui 5 metri, bloccano gli ospiti e si salvano concedendo una punizione. Al 66′ un bruttissimo placcaggio su Gori in aria lascia il mediano a terra, ma l’arbitro non ammonisce a sorpresa nessuno tra i fischi dell’Olimpico. Dalla seguente mischia fallo irlandese con Gonzalo Garcia che prova il piazzato dalla distanza, ma sbaglia. Al 69′ un fallo di Donnacha Ryan su Gori senza palla costa alla seconda linea irlandese un cartellino giallo, mentre Orquera piazza per il +4 dell’Italia. Azzurri che insistono, forti del vantaggio numerico, ma manca il guizzo per chiudere il match che, così, si avvia lentamente verso l’80’ con le due squadre ancora in piena lotta per la vittoria. Al 79′ altro cartellino giallo per l’Irlanda che resta in 13. Italia che chiude in attacco, subisce fallo, Orquera fissa il punteggio sul 22-15 e può fare festa allo scoccare dell’ottantesimo che segna il quarto successo nella storia contro l’Irlanda, primo nell’era Sei Nazioni e permette agli azzurri di chiudere con quattro punti in classifica un torneo più che positivo.

ITALIA – IRLANDA 22-15
Sabato 16 marzo, ore 15.30 – Stadio Olimpico, Roma
Italia: 15 Andrea Masi (66′ Tommaso Benvenuti), 14 Giovambattista Venditti, 13 Gonzalo Canale, 12 Gonzalo Garcia, 11 Luke McLean, 10 Luciano Orquera, 9 Edoardo Gori (76′ Tobias Botes), 8 Sergio Parisse, 7 Simone Favaro (58′ Paul Derbyshire), 6 Alessandro Zanni, 5 Joshua Furno (58′ Francesco Minto), 4 Quintin Geldenhuys (64′ Antonio Pavanello), 3 Lorenzo Cittadini (76′ Alberto de Marchi), 2 Leonardo Ghiraldini (76′ Davide Giazzon), 1 Andrea Lo Cicero (64′ Michele Rizzo).
Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Craig Gilroy, 13 Brian O’Driscoll, 12 Luke Marshall (28′ Ian Madigan), 11 Keith Earls (25′ Luke Fitzgerald, 36′ Iain Henderson), 10 Paddy Jackson, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Sean O’Brien, 6 Peter O’Mahony, 5 Donnacha Ryan, 4 Mike McCarthy, 3 Mike Ross (67′ Stephen Archer), 2 Rory Best (70′ Sean Cronin), 1 Cian Healy (70′ David Kilcoyne).
Arbitro: Wayne Barnes
Marcatori: 5′ cp. Jackson, 14′ cp. Orquera, 21′ cp. Orquera, 36′ cp. Garcia, 40′ cp. Jackson, 49′ m. Venditti tr. Orquera, 54′ cp. Jackson, 58′ cp. Jackson, 64′ cp. Jackson, 70′ cp. Orquera, 80′ cp. Orquera
Cartellini gialli: 30′ O’Driscoll, 52′ Parisse, 69′ Ryan, 79′ Murray

credit image by Getty Images

SONDAGGIO: CHI VINCERA’ IL SEI NAZIONI 2013?

TUTTI I LINK PER VEDERE IL SEI NAZIONI 2013 IN STREAMING

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter e @Google