Berlusconi, il bollettino del professor Zangrillo: “Risposta ottimale alle terapie”

L’ex premier ha trascorso in modo tranquillo la sua settima notte in ospedale

Per il paziente Silvio Berlusconi, a sette giorni dal ricovero al San Raffaele di Milano: “Si osserva una risposta ottimale alle terapie in atto“. Così secondo il bollettino del medico personale dell’ex premier, professor Alberto Zangrillo, primario dell’Unità operativa di Terapia intensiva generale e cardiovascolare dell’Irccs ospedale San Raffaele.

Berlusconi, ricoverato da giovedì scorso con una polmonite bilaterale legata al Sars-CoV-2, ha passato in modo tranquillo la sua settima notte in ospedale. La cura con il Remdesivir “sta dando soddisfazione”, ha spiegato il professor Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Irccs San Raffaele, all’Adnkronos.

Già il bollettino di ieri del professor Zangrillo aveva rassicurato sulle condizioni del leader di FI: “L’evoluzione clinica dell’infezione polmonare si conferma favorevole. Tutti i parametri monitorati hanno valori molto confortanti”.

Martedì Berlusconi si era anche collegato telefonicamente dall’ospedale con una riunione dei senatori di Forza Italia, usata per lanciare un appello ai cittadini a non mancare gli imminenti appuntamenti elettorali del 20-21 settembre.

I Video di Blogo