Crimi: “De Luca indagato? È un sistema. Al Pd abbiamo già detto cosa dovevamo dire, la risposta è stata negativa”

Il reggente del MoVimento 5 Stelle commenta la posizione del governatore uscente in Campania.

L’attuale reggente del MoVimento 5 Stelle Vito Crimi è stato oggi a Napoli per partecipare a una iniziativa di Valeria Ciarambino, la candidata pentastellata alla Regione Campania. A Crimi è stato chiesto un commento sul fatto che Vincenzo De Luca, governatore uscente in capo al PD, risulti indagato per falso e truffa.

Crimi, facendo riferimento anche agli anni da sindaco di Salerno di De Luca, ha detto:

“È la dimostrazione plastica di un sistema che è quello che ha gestito De Luca in questi anni, prima a Salerno e adesso in Campania”

Poi ha spiegato:

“Il sistema De Luca oggi viene a galla con un fatto, ma probabilmente non è altro che il preludio di una gestione complessiva un po’ allegra da parte del governatore uscente”

E per quanto riguarda la posizione del PD, che non ha voluto fare a meno di sostenere De Luca, Crimi ha commentato:

“lo avevamo già detto più di un mese fa. In questa regione siamo partiti per primi dando la disponibilità al dialogo ma a una condizione: togliere De Luca e il sistema De Luca. Questo non è stato accettato e quindi oggi torna di nuovo il sistema De Luca. Al Pd abbiamo già detto cosa dovevamo dire, la risposta è stata negativa”

Nonostante l’alleanza, rinsaldata anche dalla decisione dei dem di votare “Sì” al referendum sul taglio dei parlamentari, PD e M5S si daranno battaglia alle regionali e la Campania sarà uno dei tanti duri terreni di scontro.