Salvini: “L’Italia rischia di morire di non decisione per colpa del governo. Bisogna prendersi la responsabilità delle scelte”

Il leader della Lega è intervenuto al Forum Ambrosetti di Cernobbio.

Al Forum Ambrosetti di Cernobbio oggi c’è stato anche Matteo Salvini. Il leader della Lega, ovviamente, ha attaccato il governo in carica, ha parlato di infrastrutture e ha anche fatto una previsione in vista delle elezioni regionali del 20 e 21 settembre.

Sulla durata dell’attuale governo Conte 2 Salvini ha detto:

“Non ho la sfera di cristallo, ma penso che e mi auguro che questo governo non duri fino in fondo. Avere come unico collante la paura sarebbe pericoloso. Non deve dire no a molte opere infrastrutturali e tirare a campare fino al 2022 per incidere sull’elezione del Presidente della Repubblica”

Poi ha aggiunto che da parte del governo:

“Ci sono drammatiche non decisioni. Si può sbagliare e correggere, ma il Paese rischia di morire di non decisione. E se non si decide bisogna prendersi la responsabilità delle scelte, non puoi avere al governo qualcuno che dice no e qualcuno dice sì”

Salvini ha citato le infrastrutture e il Mes come argomenti su cui il governo è immobile e ha aggiunto:

“Di incertezze e di immobilismo stiamo rischiando di morire”

Poi ha fatto una previsione in vista delle elezioni regionali:

“Se dovessi fare un pronostico, il mio obiettivo è di 7 a zero. Ci stiamo lavorando. Ho una buona sensazione, c’è voglia di cambiamento”

Salvini ha poi parlato dell’ex Ilva e ha detto:

“Io non credo alla scelta fra l’Ilva a Taranto e il luna park. L’Italia non può fare a meno dell’acciaio. Se vogliamo rimanere un Paese industriale, l’acciaio deve rimanere in Italia e non possiamo dipendere da altri. La presenza della produzione di acciaio deve essere compatibile con la salute pubblica. Non è una cosa impensabile”

Inoltre ha toccato anche un altro argomento sempre molto attuale, quello del ponte di Messina, facendo riferimento alle recenti dichiarazioni della ministra delle Infrastruttura Paola De Micheli che ha parlato della possibilità di realizzare una pista ciclabile per collegare la Sicilia. Salvini ha detto:

“Preferisco il ponte alla pista ciclabile, se devo scegliere. Poi si può mettere la pista ciclabile sul ponte, ma preferisco partire dal ponte se devo scegliere. La mia ambizione è che chi ha costruito il ponte di Genova costruisca anche quello sullo Stretto. Dopo 40 anni di chiacchiere, chi ha costruito quello di Genova costruisca in 5 anni di mandato il Ponte sullo Stretto: 4 miliardi di euro di budget tutti a carico di privati”