Berlusconi, Zangrillo: “Condizioni stabili. Cauto ma ragionevole ottimismo”

Il bollettino del 5 settembre del San Raffaele di Milano sulle condizioni del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi.

Le condizioni di Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele di Milano dopo il leggero aggravarsi dei sintomi legati all’infezione da COVID-19, “permangono stabili“. Lo ha riferito nel pomeriggio di oggi la stessa struttura ospedaliera nel suo bollettino quotidiano, il secondo in poche ore, sulla situazione del leader di Forza Italia.

A firmare il bollettino è Alberto Zangrillo, il responsabile dell’Unità Operativa di Terapia Intensiva generale e Cardiovascolare dell’Irccs ospedale San Raffaele di Milano che sta seguendo in prima persona l’evoluzione della malattia in Berlusconi, così come sta facendo anche con Flavio Briatore, brevemente ricoverato presso la struttura e poi dimesso con l’obbligo di quarantena fino al decorso della malattia.

Il quadro respiratorio e clinico conferma un decorso regolare e atteso, che induce quindi a un cauto ma ragionevole ottimismo.

Il ricovero di Berlusconi è stato disposto non appena sono comparsi i primi sintomi dell’infezione, poco dopo la conferma della sua positività al COVID-19. I medici hanno accertato un principio di polmonite bilaterale e precisato, smentendo le indiscrezioni trapelate nelle ultime ore, che il paziente sta respirando in modo autonomo.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →