Giorgia Meloni: “Il Governo vuole un nuovo lockdown per rimandare le elezioni”

Giorgia Meloni continua a strizzare l’occhio a negazionisti e complottisti distorcendo la realtà dei fatti per fare incetta di consensi.

La pandemia di COVID-19 ha evidenziato una sostanziale differenza tra il modo della destra di affrontare e gestire l’emergenza rispetto ai governi più di sinistra. Basta vedere quello che sta succedendo negli Stati Uniti, in Brasile o in Russia, giusto per citare i casi più lampanti, per immaginare cosa sarebbe successo anche in Italia se a governare fossero stati questi leader di centrodestra che cambiano pubblicamente idea ogni giorno.

Giorgia Meloni e Matteo Salvini hanno iniziato ormai da tempo a strizzare l’occhio ai complottisti e negazionisti, fomentando il timore di un nuovo lockdown e accusando il governo di voler fare terrorismo, quando la realtà dei fatti ci dimostra l’esatto contrario. E l’ultima dichiarazione di Meloni non costituisce un’eccezione.

La leader di Fratelli d’Italia, intervistata da Il Tempo, accusa il governo di voler imporre un nuovo lockdown con un obiettivo molto semplice: rimandare le elezioni del prossimo settembre.

Adesso il Governo vuole un nuovo lockdown, ci stanno provando in tutti i modi. Hanno riacceso la macchina del terrore.

La macchina del terrore, secondo Meloni, sarebbero i dati sull’andamento dell’epidemia che vengono diffusi quotidianamente dal Ministero della Salute – così come vengono diffusi ogni giorno ormai da mesi in TUTTI i Paesi del Mondo. I dati ci dicono che i contagi sono in costante aumento, ma anche che i posti occupati in terapia intensiva sono lievemente saliti negli ultimi giorni.

Una situazione sicuramente non preoccupante, specie se paragonata a Paesi vicini al nostro come la Spagna, la Francia o la Germania, ma che richiede sicuramente maggiore attenzione da parte di tutti. Se è vero, infatti, che la situazione in Italia è sotto controllo, è altrettanto vero che abbassare ora la guardia potrebbe rivelarsi disastroso.

Meloni, però, finge di non comprendere la gravità della situazione – come Trump, Bolsonaro & Co. hanno già fatto in modo criminale – e contribuisce a diffondere il terrore:

Vedere un governo che si accanisce con i giovani e le discoteche e lascia aperti i confini a migliaia di migranti spesso contagiati che puntualmente si danno alla macchia fa pensare che tutto questo risponda a un disegno. E credo che le parole di ieri del professor Ricciardi su chiusura delle scuole e rinvio delle elezioni siano sfuggite ma rappresentino esattamente quello che hanno in mente. Ripiombarci nel panico per rimandare l’avvio dell’anno scolastico, a cui sono del tutto impreparati, e le elezioni che sanno di perdere. Glielo impediremo.

Non solo. Quello di Meloni è un vero e proprio affondo al premier Conte:

Conte ha sfruttato il Covid per costruirsi una notorietà e un consenso che non aveva, cercando di legittimare e rafforzare a posteriori un ruolo che occupa senza alcun mandato popolare. Ha ottenuto e prorogato lo stato di emergenza governando gli italiani a colpi di Dpcm, dispensando diritti e libertà come se in una democrazia spettasse a un premier dire al popolo cosa è libero o meno di fare, ha dilapidato decine di miliardi dispensando però una miriade di marchette. Il Covid ad un certo punto passerà, questi danni invece rischiano di rimanere.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →