Steve Bannon arrestato per frode. Cauzione da 5 milioni di dollari

L’ex stratega populista di Donald Trump, Steve Bannon, è stato arrestato negli Stati Uniti insieme ad altre tre persone con l’accusa di frode.

L’ex stratega populista di Donald Trump, Steve Bannon, è stato arrestato negli Stati Uniti insieme ad altre tre persone con l’accusa di frode nell’ambito della raccolta di fondi online “We Build The Wall” per la costruzione del famoso muro al confine tra il Messico e gli Stati Uniti.

Bannon, grande elogiatore di figure come quella di Bolsonaro e Matteo Salvini, giunto anche in Italia in passato per incontrare di persona il leader della Lega e Giorgia Meloni, avrebbe frodato centinaia di migliaia di finanziatori facendo credere loro, secondo quanto riferito dall’accusa, che i fondi raccolti sarebbero destinati alla costruzione del muro. In realtà gran parte di quei fondi, sarebbero stati usati personalmente da Bannon e dagli altri tre arrestati per finanziare il proprio stile di vita.

L’accusa è pesante e ieri, dopo la dichiarazione di non colpevolezza, il giudice ha fissato per Bannon una cauzione di 5 milioni di dollari e imposto dei pesanti limiti ai suoi spostamenti nel caso di pagamento di quella somma: l’elogiatore di Salvini e Meloni potrà spostarsi soltanto tra New York e Washington, non potrà viaggiare al di fuori del Paese né utilizzare barche e voli privati.

Nè Salvini né Meloni hanno mai nascosto la loro ammirazione per Steve Bannon e la stima era reciproca. Bannon ha elogiato pubblicamente i due leader della destra italiana in diverse occasioni e sia la Lega che Fratelli d’Italia non avevano mancato di pubblicizzare quegli elogi sui canali ufficiali social.

++ STEVE BANNON: SALVINI È UN LEADER MONDIALE, UN GRANDE PATRIOTA CORAGGIOSO ++

Posted by Lega – Salvini Premier on Saturday, January 26, 2019

A più di 24 ore dall’arresto di Steve Bannon, però, né Meloni né Salvini hanno menzionato pubblicamente la cosa, come accade sempre di fronte ad eventi che potrebbero recare loro un qualche danno, anche se minimo.