Obama attacca Trump: “Si è comportato come in un reality show”

“Minaccia come mai prima per le nostre istituzioni democratiche”.

L’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama è intervenuto in collegamento dal Museo della rivoluzione americana di Philadelphia durante la Convention democratica e ha attaccato in maniera più diretta che mai il suo successore, Donald Trump, dicendo:

“Speravo, per il bene del nostro Paese, che Trump potesse mostrare un qualche interesse a prendere sul serio il lavoro, che potesse arrivare a sentire il peso dell’incarico, a scoprire un po’ di rispetto per la democrazia. Si è comportato come in reality show per ottenere l’attenzione che desidera. Rappresenta una minaccia come mai prima per le nostre istituzioni democratiche”

Obama ha messo in guardia dal cinismo e poi ha affondato il colpo:

“Sanno che non posso convincerti con le loro politiche, così sperano di complicare al massimo il tuo voto, di convincerti che il tuo voto non conta. Vincono così. È così che appassisce la nostra democrazia. Non possiamo permetterlo. Non lasciate che vi portino via la democrazia”

Obama ha fatto il suo appello:

“Vi chiedo di credere nelle vostre capacità, di abbracciare la vostra responsabilità di cittadini per assicurarvi che i principi fondamentali della nostra democrazia durino”

Poi ha elogiato il candidato democratico Joe Biden, dicendo che è un “fratello” e un “uomo che tratta tutte le persone con rispetto e dignità”. Elogi anche per la candidata vicepresidente Kamala Harris, che è “un’amica” e che con Biden costituisce “una coppia ideale” ed eleggendoli si può dare “un nuovo senso alla democrazia”.

Intanto nel corso della Convention è stata ufficializzata la candidatura di Kamala Harris, che intervenendo ha detto:

“Non c’è un vaccino per il razzismo. Combattiamo con convinzione, con speranza, con fiducia”

Poi ha detto che Trump ha gettato il Paese in un senso di caos e incompetenza e ha aggiunto:

“Possiamo fare meglio e meritiamo di più”

I Video di Blogo

Video inedito del Daily Mail sull’arresto di George Floyd