Mascherina obbligatoria nelle discoteche di Emilia-Romagna e Veneto

I governatori di Emilia-Romagna e Veneto hanno deciso di anticipare il governo e hanno disposto l’obbligo di indossare la mascherina nelle discoteche delle due regioni.

I governatori di Emilia-Romagna e Veneto hanno deciso di anticipare il governo e hanno disposto, a partire dalle 13.00 di sabato 15 agosto 2020, l’obbligo di indossare la mascherina nelle discoteche delle due regioni, fornire il nominativo completo all’ingresso dei locali, distanziamento di almeno 2 metri anche sulle piste da ballo e capienza dimezzata per i locali notturni.

Una stretta importante che sarà affiancata, sempre a partire da domani, da rigorosi controlli sul rispetto delle nuove direttive. In caso di accertata violazione sarà disposta la chiusura immediata del locale. Una decisione meno restrittiva rispetto della Regione Calabria, dove da ieri sono stati chiusi tutti i locali da ballo, ma comunque molto limitante nel tentativo di frenare la risalita dei contagi che da giorni è sotto gli occhi di tutti.

Nell’annunciare la nuova ordinanza, Luca Zaia ha dichiarato:

È una misura presa contro il rischio che il virus torni a fare la voce grossa. Non possiamo vanificare i risultati raggiunti grazie all’impegno e lo sforzo di tutti. Mi rivolgo soprattutto ai giovani che nei giorni del lockdown e fino ad oggi sono stati un vero modello di responsabilità e consapevolezza della situazione. Invito loro e tutti gli altri appassionati a pazientare ancora, aderendo alle indicazioni che vengono date e continuando ad avere comportamenti coerenti con la situazione.

Gli ha fatto eco Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna:

Una stretta utile anche a evitare che divertimento e svago possano lasciare spazio ad atteggiamenti irresponsabili, anche solo di pochi, che possano vanificare il lavoro di questi mesi. A tutela dei giovani stessi, ragazzi e ragazze, che devono sapere di non essere immuni o al riparo dal virus.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →