La campagna elettorale masochista di Filippo Penati: scegliere la persona o il partito?

Criticare le campagne di comunicazione del PD è un po’ come sparare sulla Croce Rossa, ma a volte non si può resistere alla tentazione. Prendiamo i manifesti che il presidente uscente della Provincia di Milano Filippo Penati ha fatto affiggere negli ultimi giorni: vi si vede il candidato a figura intera, sopra alla scritta “Scegli


Criticare le campagne di comunicazione del PD è un po’ come sparare sulla Croce Rossa, ma a volte non si può resistere alla tentazione. Prendiamo i manifesti che il presidente uscente della Provincia di Milano Filippo Penati ha fatto affiggere negli ultimi giorni: vi si vede il candidato a figura intera, sopra alla scritta “Scegli la persona“.

Questo slogan costituisce un piccolo disastro, dal punto di vista comunicativo e da quello politico, per vari motivi: innanzitutto ammette senza alcuna vergogna davanti all’elettore che il proprio schieramento politico è poco attraente. Il sottinteso di “Scegli la persona” è infatti chiaro: “non il partito“. In secondo luogo, Penati vorrebbe liberarsi della zavorra dello scarso appeal del PD puntando tutto sul proprio carisma personale. Peccato che quest’ultimo sia molto più presunto che vero: la lista che porta il suo nome, altro esito della strategia appena illustrata, viene data dai sondaggi più ottimistici attorno al 5%.

Terzo: il presidente di Provincia sembra voler fare riferimento in modo obliquo al fatto che il candidato del PDL, Guido Podestà, era fino a poco tempo fa un eurodeputato sconosciuto ai più. Peccato che Penati e i suoi pubblicitari non abbiano afferrato una cosa piuttosto elementare: chi si recherà tra due settimane a votare per il Popolo della Libertà non sceglierà affatto un partito, ma una persona. Quella di Silvio Berlusconi però.

Elezioni provinciali Milano 2009: i manifesti di Filippo PenatiElezioni provinciali Milano 2009: i manifesti di Filippo Penati