Quarantena per chi arriva da Romania e Bulgaria. Speranza: “Il virus circola ancora”

“Obbligo vale per tutti i cittadini che abbiano soggiornato in quei Paesi negli ultimi 14 giorni”.

Per la prima volta da quanto le frontiere sono state riaperte due Paesi Schengen sono stati esclusi dalla libera circolazione. Si tratta di Romania e Bulgaria, dove il coronavirus ha ricominciato a circolare. La decisione è stata presa oggi dal Ministro della Salute Roberto Speranza dopo aver incontrato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

I due hanno come di consueto fatto una verifica del quadro epidemiologico a livello internazionale e sono giunti alla conclusione che sia necessario obbligare alla quarantena chi proviene da quei due Paesi.

Il ministro Speranza infatti oggi ha annunciato:

“Ho appena firmato una nuova ordinanza che dispone la quarantena per i cittadini che negli ultimi 14 giorni abbiano soggiornato in Romania e Bulgaria. Questa misura è già vigente per tutti i Paesi extra Eu ed extra Schengen. Il virus non è sconfitto e continua a circolare. Per questo occorre ancora prudenza e attenzione”

In Italia ci sono circa un milione di cittadini romeni che lavorano soprattutto nei settori dell’edilizia e dei servizi alla persona (in particolare colf e badanti). Soprattutto in questo periodo estivo molti tornano in patria per ricongiungersi con i familiari, ma chi è andato nelle ultime due settimane e chi ci andrà prossimamente al ritorno dovrà sottoporsi alla quarantena.

Non è escluso che possano essere prese decisioni simili rispetto ad altri Paesi europei, visto che la pandemia sembra essere ripartita anche in altre nazioni come Francia e Spagna.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →