Conte: “Da Ue nessun compromesso al ribasso, in gioco non c’è solo il mercato unico”

Al premier fa eco Gentiloni: “Non ci possiamo permettere fallimenti o rinvii”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, reduce da un bilaterale a Berlino con Angela Merkel, in cui si è parlato di aiuti Ue contro la crisi provocata dalla pandemia di Covid-19, riferisce stamattina alla Camera in vista dell’importante Consiglio europeo del 17-18 luglio.

Il premier spiega che “la posta in gioco non è solo il funzionamento del mercato unico e la difesa delle catene di valore, in gioco ci sono i pilastri su cui è stata costruita l’Ue”.

Conte sottolinea che l’Unione europea ha fatto proprie in fase di trattativa le richieste italiane, prendendo velocemente decisioni fondamentali, con una proposta di Recovery fund, il fondo per la ripresa, che è stata giudicata soddisfacente dallo stesso premier.

Ora però è il momento di passare dalle parole ai fatti, di ratificare quelle decisioni, ovvero di avere subito, entro l’anno, quelle risorse. L’obiettivo, aggiunge Conte di fronte ai deputati, è di approvare “entro luglio” e “senza compromessi al ribasso” il piano Next Generation Ue.

Al premier sembra far eco il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni il quale, in un editoriale pubblicato dal Financial Times online, scrive che al prossimo consiglio europeo “non ci possiamo permettere fallimenti o rinvii. L’Europa sta vivendo uno choc economico devastante e senza precedenti. Ma questa sfida ci dà anche l’opportunità di una transizione verso un modello di sviluppo più sostenibile, più giusto”.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →