Coronavirus, la Cina sperimenta un vaccino sui militari, ma ci vorrà un anno

È un “candidato vaccino” per il quale può cominciare la fase 3 di sperimentazione sui militari.

Quindici vaccini al mondo sono in fase di sperimentazione avanzata, di questi otto sono cinesi e uno dei vaccini cinesi è giunto alla fase 3, ma solo sui militari. È molto simile a quello che si sta sperimentando a Oxford e su cui ha investito anche l’Italia. C’è però una differenza sostanziale e cioè che il vaccino di Oxford è su un virus derivato dalle scimmie, che il corpo umano riconosce subito, mentre quello cinese è su un virus umano. Bisogna capire quanto dura l’immunità, visto che per ora alcuni studi hanno dimostrato che alcune delle persone che hanno avuto il virus restano immuni solo per pochi mesi.

I risultati delle prime sperimentazioni su questo particolare virus cinese sono stati pubblicati di recente sulla rivista scientifica “Lancet”. Ora l’azienda biotech CanSino, che ha lavorato con l’esercito da subito, ha ottenuto dalla Commissione militare centrale l’ok per testare il virus sui soldati. Tuttavia c’è un appunto indispensabile da fare: ci vorrà almeno un anno per questa terza fase di sperimentazione. È per questo che l’OMS ieri ha parlato di “convivenza” con il virus.

La fase 3 di sperimentazione arriva dopo che gli studi clinici delle prime due fasi sono stati superati con successo, ma è una fase piuttosto lunga e complessa, soprattutto perché, come abbiamo visto, secondo quanto si sa finora sul coronavirus, l’immunità dura solo pochi mesi. Tuttavia il fatto che un vaccino sia arrivato alla fase 3 è molto importante, fondamentale, perciò tutto il mondo guarderà con attenzione a quello che succederà nel corso della sperimentazione sui militari cinesi.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →