Rivoluzione Civile, Sandro Ruotolo candidato per la Regione Lazio

Il giornalista Sandro Ruotolo candidato alla presidenza della Regione Lazio con la lista Rivoluzione Civile.

La lista Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia, composta anche da Verdi, Federazione della Sinistra, Italia dei Valori, il Movimento Arancione, La Rete di Orlando e Cambiare si può, in crescita costante nei recenti sondaggi, ha deciso di candidare il giornalista Sandro Ruotolo alla presidenza della Regione Lazio.

Ruotolo, collaboratore storico di Michele Santoro, che figura anche tra i candidati regionali alla Camera dei Deputati in Sicilia, ha dato la sua disponibilità e ha commentato con le seguenti dichiarazioni, citando gli scandali della precedente giunta Polverini, la decisione nei suoi confronti presa dalla lista del magistrato siciliano:

Ho accettato questa proposta con spirito di servizio, con l’obiettivo di far vincere Rivoluzione civile ovunque. La battaglia principale, in questa che è la regione degli scandali e della casta, è tornare a essere al servizio dei cittadini. La Regione deve diventare immediatamente la casa della trasparenza e il primo obiettivo è chiudere e voltare completamente pagina rispetto all’oscenità dell’ultima presidenza.

La candidatura del giornalista è stata accolta molto bene dai partiti alleati alla lista di Antonio Ingroia.

Nando Bonessio, presidente dei Verdi nella regione Lazio, è convinto che l’operato di Ruotolo come giornalista d’inchiesta dimostrato nel corso della sua carriera, si sposa ottimamente con la sua candidatura in una regione delicata come il Lazio:

Sandro Ruotolo rappresenta un punto di sintesi qualificante, un valore aggiunto, ed è una candidatura di spessore rispetto all’impegno civile, a partire dall’attività professionale che svolge. Il giornalista è da sempre in prima linea con le sue inchieste sempre tese a far emergere la verità e le contraddizioni peggiori della politica.

Giulia Rodano, consigliere regionale di Italia dei Valori (anche il partito di Antonio Di Pietro, con l’allora capogruppo nella Regione Lazio Vincenzo Maruccio, fu coinvolto negli scandali), è ampiamente favorevole con la scelta del giornalista:

La candidatura di Ruotolo alla presidenza della Regione Lazio può realmente offrire un valore aggiunto alla piattaforma di Rivoluzione civile. La sua personalità potrà infatti essere determinante non solo durante la campagna elettorale ma anche e soprattutto dopo, per rivendicare quella netta discontinuità di contenuti con tutta la storia recente della regione che né Storace e il centrodestra, né Zingaretti e il centrosinistra, potranno mai garantire ai cittadini del Lazio.

Foto | © Getty Images

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia