COVID-19 in Germania: lockdown per 560.000 persone

Il focolaio legato al mattatoio di Tönnies, in Germania, supera i 1.500 positivi e più di 500mila persone finiscono il lockdown fino al 30 giugno.

La Germania corre prontamente ai ripari dopo il grande focolaio di COVID-19 identificato all’interno del mattatoio Tönnies, il più grande mattatoio d’Europa situato a Rheda-Wiedenbrück, nella Renania Settentrionale-Vestfalia a nord-ovest del Paese.

Ad oggi sono 1.550 le persone risultate positive al COVID-19 tra i dipendenti dell’azienda e i loro familiari. Un numero decisamente alto che ha spinto il premier del Nordreno-Vestfalia Armin Laschet ad imporre il lockdown nella circoscrizione di Gütersloh, dove si trova il mattatoio, costringendo a casa oltre 360mila persone.

A queste si aggiungono anche quelle della circoscrizione vicina, il distretto di Warendorf, per un totale di 560mila persone sottoposte a restrizioni a causa del nuovo focolaio.

Il nuovo lockdown sarà in vigore fino al 30 giugno prossimo, ma la data di ritorno alla normalità potrebbe slittare col passare dei giorni, quanto l’estensione del nuovo focolaio sarà più chiara.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →