Atlantia scavalca l’Italia e si rivolge alla Commissione UE

Atlantia, la società controllata dalla famiglia Benetton, ha deciso di rivolgersi all’Unione Europea puntando il dito contro il governo italiano.

Atlantia, la società controllata dalla famiglia Benetton, ha deciso di rivolgersi all’Unione Europea puntando il dito contro il governo italiano. È il Financial Times a dare conto oggi di una lettera inviata da Atlantia al vice presidente della Commissione UE, Valdis Dombrovskis, per segnalare la presunta violazione delle norme europee da parte del governo italiano.

Secondo la società concessionaria autostradale alcune norme contenute nel Milleproroghe avrebbero permesso al governo di ridurre sensibilmente la “compensazione riconosciuta al gruppo nel caso di revoca anticipata al contratto di Autostrade per l’Italia“, revoca che si vocifera dal crollo di ponte Morandi a Genova e che ad oggi, di fatto, non è mai arrivata.

Non solo. Nella lettera inviata a Dombrovskis, il presidente di Atlantia Fabio Cerchiai e l’amministratore delegato Carlo Bertazzo hanno accusato il governo di aver forzato la società a “vendere la sua quota di maggioranza in Autostrade a Cdp a una valore ridotto creando un danno significativo a migliaia di investitori italiani e stranieri”.

La richiesta fatta alla Commissione UE è semplice: prendere iniziative rapide e decise di fronte alle violazioni delle norme europee che il governo italiano avrebbe compiuto.

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →