Visco: “Il 20% delle famiglie con redditi inferiori perde il doppio”

La crisi economica legata alla pandemia da COVID-19 in Italia rischia di allargare ancora di più il divario tra chi possiede di più e chi possiede di meno.

La crisi economica legata alla pandemia da COVID-19 in Italia rischia di allargare ancora di più il divario tra chi possiede di più e chi possiede di meno. Lo ha dichiarato il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco durante le sue Considerazioni Finali.

Bankitalia stima che la crisi economica in corso porterà ad una ulteriore riduzione del reddito per il 20% delle famiglie italiane con redditi inferiori. Per queste la riduzione sarà “due volte più ampia di quella subita dalle famiglie appartenenti al quinto più elevato“, il 20% delle famiglie con redditi maggiori.

Sulla base di quanto già accaduto nel primo trimestre del 2020, Visco stima che “la disuguaglianza della distribuzione del reddito netto equivalente da lavoro, misurata dall’indice di Gini per i nuclei con capofamiglia di età inferiore ai 64 anni e in cui non si percepiscono redditi da pensione (il 58% del totale), sarebbe aumentata di circa due punti percentuali al 37%, toccando il valore massimo dal 2009, anno di inizio della serie storica utilizzata“.

Serve, sostiene Visco, “un nuovo rapporto tra Governo, imprese dell’economia reale e della finanza, istituzioni, società civile; possiamo non chiamarlo, come pure è stato suggerito, bisogno di un nuovo “contratto sociale”, ma anche in questa prospettiva serve procedere a un confronto ordinato e dar vita a un dialogo costruttivo. Nessuno deve perdere la speranza“.

Il governatore di Bankitalia ha spiegato che “ogni paese deve utilizzare le risorse messe a disposizione dalle istituzioni europee con pragmatismo, trasparenza e, soprattutto in maniera efficienze“, precisando però che “i fondi europei non potranno mai essere ‘gratuiti’ perché il debito europeo è debito di tutti“.

Visco ha elogiato la proposta della Commissione UE sul fondo da 750 miliardi di euro, invitando l’Italia ad uno “straordinario sforzo per sfruttare le opportunità offerte meglio di quanto non abbia fatto negli ultimi decenni“.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →