La Lega a Ricciardi: “Sciacallo, infanga la Lombardia e le sue vittime”

Lega: “Ricciardi chieda scusa per la pessima pagina politica”. Anche Salvini difende la sanità lombarda

La Lega non accetta le critiche alla sanità lombarda e dopo il caos di stamattina alla Camera, i deputati del Carroccio con una nota attaccano ancora il collega del M5S Riccardo Ricciardi: “C’è chi fa politica e chi lo sciacallo. Ricciardi appartiene alla seconda categoria. Infangare una Regione, le sue vittime, le famiglie che hanno sofferto e tutti i medici e gli operatori che hanno combattuto in prima linea il virus, solamente per difendere il proprio orticello e coprire le nefandezze di questo governo, è da sciacalli”.

Per i deputati leghisti Ricciardi deve solo chiedere scusa: “Solo chi non ha altre argomentazioni da proporre usa i morti e una tragedia nazionale per trarne vantaggio. Ricciardi è uno di questi. L’unico modo per difendere l’indifendibile governo Conte trovato da Ricciardi è stato attaccare in maniera vigliacca e disinformata una Regione da sempre riconosciuta da tutti un modello in ambito sanitario. Ricciardi, prima di parlare della Lombardia, abbia almeno la decenza di informarsi e soprattutto chieda scusa per la pessima pagina politica che ha scritto”.

Il presidente della Camera Roberto Fico stamattina era stato costretto a sospendere la seduta, tra le proteste e le urla in Aula dei deputati lumbard e di FdI.

Ma cosa aveva detto Ricciardi? Che Conte aveva “sbagliato tutto” perché “ha tentato di salvare la vita e la salute dei cittadini italiani, affidandosi addirittura a scienziati e medici… Chi l’attacca propone il modello Lombardia”.

Sopra le grida dei deputati leghisti, Ricciardi aveva proseguito: “Lei, signor Presidente del Consiglio, doveva fare come Gallera, che in conferenza stampa si presentava puntuale, e annunciava un ospedale per il quale hanno speso 21 milioni per 25 pazienti”.

“I Cinque Stelle si devono sciacquare la bocca prima di parlare della sanità lombarda” ha commentato Matteo Salvini prima di ricordare che “nel 2019 oltre 130.000 cittadini italiani, da tutto il resto d’Italia hanno scelto gli ospedali lombardi per visite, esami e operazioni”.

I Video di Blogo

Video: punto stampa di Conte a Cerignola