COVID-19, l’UE: “Il vaccino sia un bene globale, non prima agli Stati Uniti”

Sanofi ha già promesso priorità agli Stati Uniti per il vaccino per il COVID-19. L’UE sostiene invece che il vaccino dovrà essere un bene globale.

Stanno facendo parecchio discutere in queste ore le dichiarazioni di Paul Hudson, CEO del gruppo farmaceutico francese Sanofi, che ha anticipato come il vaccino per il coronavirus COVID-19 che potrebbe essere sviluppato da Sanofi potrebbe andare prima agli Stati Uniti. Il motivo: gli Stati Uniti sono stati il primo finanziatore della ricerca e per questo, secondo Hudson, è corretto che siano anche i primi a riceverlo.

Intervistato da Bloomberg, Hudson ha precisato:

Gli Stati Uniti avranno diritto all’ordinazione prioritaria più consistente, dal momento che hanno investito di più.

A tuonare per conto dell’Europa contro le dichiarazioni di Hudson e la priorità agli Stati Uniti è stato oggi il portavoce per la Salute della Commissione Europea Stefan De Keersmaecker, secondo il quale il vaccino dovrebbe essere un bene comune e per la sua distribuzione si dovrebbe lavorare in cooperazione tra tutti:

La solidarietà e lo stretto coordinamento sono i modi più efficaci e sicuri per rispondere alla COVID-19. Insieme ai nostri partner globali abbiamo raccolto impegni per 7,4 mld di euro: il vaccino contro la Covid-19 deve essere un bene pubblico globale e l’accesso deve essere equo e universale.

Stefan De Keersmaecker ribadisce che visto che ci troviamo davanti ad una pandemia e che ogni strumento per contrastarla dovrà essere globale:

Abbiamo dato 80 mln di finanziamenti alla tedesca Curevac, che ha una tecnologia promettente per il vaccino. Una volta sviluppato, il vaccino deve passare attraverso un processo di approvazione e l’Ema assicurerà un processo il più veloce possibile. Per noi è molto importante che, visto che il virus è globale, ci lavoriamo a livello globale.

Fare una lista delle priorità significherebbe relegare agli ultimi posti i Paesi più poveri e con più difficoltà a contenere l’epidemia da COVID. E questo, di conseguenza, significherebbe un numero maggiore di decessi facilmente prevedinili grazie ad un vaccino.

I Video di Blogo

Video inedito del Daily Mail sull’arresto di George Floyd

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →