La prima Pasqua di Papa Francesco: fate fiorire i deserti dei vostri cuori!

Una piazza gremita e coloratissima, di oltre 250mila tra italiani, stranieri (non solo argentini), bambini e disabili ha accolto la prima Pasqua di Papa Francesco. E alla fine anche il cielo di Roma si è squarciato di sole per manifestare la gioia di Gesù risorto

Costruite la pace e lasciatevi inondare dall’amore di Cristo! È ancora una volta un messaggio semplice e diretto, quello che Papa Francesco sceglie di comunicare al mondo nella sua prima Pasqua da Pontefice, con la Messa celebrata questa mattina in piazza San Pietro e poi la Benedizione Urbi et Orbi.

Il Papa americano, che si ostina a parlare solo italiano, invita fedeli e non ad accogliere la novità che Dio ci porta con la Resurrezione di suo Figlio, ad accettare le sorprese che ci mette sul cammino, fosse anche il dolore della croce, che va sempre affidato il Signore, perché è solo attraverso la Croce che si raggiunge la salvezza di Cristo.

Accettare la venuta di Gesù dentro di sé, accoglierlo come amico, significa accogliere la vita, perché Lui è Colui che è vivo, e non dovete cercarlo tra i morti. Da qui, perciò, la necessità di abbandonarsi al Signore, che risorgendo ci fa capire che proprio quando nel mondo sembra stiano per vincere le tenebre, la morte, in realtà a vincere sono la misericordia e la vita.

E poi l’abbraccio al mondo, specie ai Paesi che hanno più difficoltà: il Medio Oriente con il mai sopito conflitto tra israeliani e palestinesi, l’Iraq, la Siria, il Mali, la Nigeria, il Centrafrica, il Congo, le Coree appena ripiombate in uno stato di profonda tensione che potrebbe sfociare in guerra, e in generale ovunque il mondo sia dilaniato dalla violenza legata al narcotraffico e dallo sfruttamento iniquo delle risorse naturali.

E nella Pasqua dei social network arriva anche il tweet del Pontefice che via web si rivolge anche a quanti sono lontani dalla Chiesa, avvertendoli che Gesù aspetta anche loro, a braccia aperte. Infine il solito fuori programma: nel fare a tutti gli auguri speciali di una Pasqua di gioia, speranza, e pace, che in questo in particolare giorno si rinnovano con forza, rivolge un pensiero ai fiorai olandesi che hanno fornito l’addobbo della piazza per la celebrazione, perché ricordiamoci che il Signore è risorto, davvero, per tutti.

Foto | Flickr

I Video di Blogo