La Spagna prova a riaprire (in parte), Francia pronta a estendere restrizioni al 10 maggio

La Spagna, 2° paese al mondo più colpito dal Covid19, è pronta a riaprire attività non essenziali. Francia più cauta

La Spagna, secondo paese più colpito al mondo per numero di contagi da coronavirus, dopo due settimane di lockdown è pronta a riaprire alcune attività non essenziali tra uffici, settore edile e industriale, naturalmente con tutte le precauzioni igienico-sanitarie e le misure di distanziamento sociale del caso.

Scuole, cinema, ristoranti, pub e bar rimarranno chiusi ma la parziale riapertura registra la contrarietà del personale sanitario, di alcuni partiti e di amministrazioni territoriali come quella della Catalogna.

Il calo dei decessi da coronavirus degli ultimi giorni ha spinto il governo guidato da Pedro Sanchez verso questa decisione: “Abbiamo tutti voglia di tornare sulle strade, ma il nostro desiderio ancora più grande è di vincere la guerra ed evitare una ricaduta” ha detto il premier per poi aggiungere che il paese “è ancora lontano dalla vittoria”.

In Spagna sono oltre 166mila i casi di contagio e più di 17mila i decessi. Di altro tenore invece le decisioni della Francia, con Emmanuel Macron pronto a estendere il lockdown fino al 10 maggio in tutto il paese. L’annuncio arriverà probabilmente nel discorso che il presidente della Repubblica francese pronuncerà stasera alle 20. Macron parlerà anche di una sorta di “road map” verso la ripartenza.

I Video di Blogo.it

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →