Patria: 1978-2008. 30 anni di storia italiana visti da Enrico Deaglio

Se siete in cerca di una lettura impegnativa ma avvincente per la prossima estate, qualcosa che vi garantisca qualche brivido sulla schiena mentre la temperatura sale ben oltre i 30 gradi, il nuovo libro di Enrico Deaglio potrebbe tornarvi utile.Si intitola Patria, 1978 – 2008 e in oltre 900 pagine descrive gli ultimi 30 anni


Se siete in cerca di una lettura impegnativa ma avvincente per la prossima estate, qualcosa che vi garantisca qualche brivido sulla schiena mentre la temperatura sale ben oltre i 30 gradi, il nuovo libro di Enrico Deaglio potrebbe tornarvi utile.

Si intitola Patria, 1978 – 2008 e in oltre 900 pagine descrive gli ultimi 30 anni la storia della nostra Nazione: leggere Patria è un po’’ come andare al cinema e rivedere trent’a anni della nostra vita. Con i buoni e i cattivi, la musica, le bandiere, un po’ di kiss kiss, molto bang bang, e tutti noi come protagonisti sullo schermo. Si comincia con Aldo Moro nella prigione del popolo, nell’’anno che ha cambiato tutto. E poi, l’’ascesa della mafia, il rapporto stretto tra crimine e potere, la guerra e i segreti di Cosa Nostra, i morti e i soldi che li hanno accompagnati. I grandi condottieri dell’’industria tra sogni e corruzione, la fine ingloriosa della Prima repubblica, l’’ascesa della televisione e del suo magnate, il Nord conquistato dalla Lega, il nuovo potere del Vaticano, la rivalutazione del fascismo, la crisi e la deriva.

Con Patria, Deaglio ricostruisce la nostra storia in cinquecento storie: anno per anno, i protagonisti, i fatti, le parole, le vittime e i vincitori, le resistenze, la musica e le idee che hanno costruito il nostro paese. Un libro per ricordare quanto è successo e per scoprire che – molto spesso – le cose non erano andate proprio così. O, come dice Andreotti nel Divo, le cose sono un po’ più complesse di come sembrano…

Patria 1978-2008, il Saggiatore. Enrico Deaglio. 22 euro. 960 pagine.