Coronavirus: contagi azzerati in Lombardia il 22 aprile e nelle altre regioni?

Una ricerca dellʼEinaudi Institute for Economics and Finance ha calcolato che l’Italia dovrebbe liberarsi dal COVID-19 tra il 5 e il 16 maggio

L’emergenza coronavirus in Italia dovrebbe finire tra un mese o un mese e mezzo. È quanto ha calcolato l’Einaudi Institute for Economics and Finance, secondo le cui previsioni in Lombardia è molto vicino il picco dell’emergenza, con i casi che dovrebbero arrivare a zero il 22 aprile prossimo. La prossima settimana è previsto il picco in varie zone dello Stivale, mentre l’intera nazione dovrebbe riuscire a dire addio al COVID-19 tra il 5 e il 16 maggio. L’ultima regione a chiudere i conti con la pandemia dovrebbe essere, secondo questi calcoli, la Toscana.

Le proiezioni sono riportate dall’edizione odierna del Corriere della Sera e sono state elaborate secondo i dati forniti quotidianamente dalla Protezione Civile e tengono conto di un’evoluzione ottimistica e una pessimistica dei contagi. Comunque sia, stando al trend attuale, ci saranno regioni la cui strada sarà in discesa presto, altre che invece dovranno attendere qualche giorno in più. La prima regione a sconfiggere il coronavirus dovrebbe essere il Trentino-Alto Adige che ne uscirebbe il prossimo 6 aprile. Nelle successive 24 ore toccherà poi a Basilicata, Liguria e Umbria.

In Veneto, invece, i contagi arriveranno a zero il 14 aprile prossimo, mentre in Emilia Romagna bisognerà attendere il 28 aprile. La proiezione non prevede le date di azzeramento dei contagi in Marche, Molise e Sardegna perché, spiegano gli esperti, “i dati disponibili non sono al momento ritenuti sufficienti” per realizzare una previsione attendibile.

coronavirus date regioni

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →