Coronavirus in Brasile, Bolsonaro minimizza: “Influenza di poco conto”

il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha tenuto un pericoloso discorso alla Nazione minimizzando la situazione e paragonando il coronavirus a poco più un’influenza.

La pandemia di coronavirus COVID-19 sta colpendo tutto il Mondo e nessun Paese è escluso, ma a fare la differenza sull’andamento dei contagi e i decessi sono le decisioni che vengono prese di Paese in Paese. Il Brasile ad oggi conta ufficialmente 2.563 casi di persone positive al COVID-19 e i governatori locali si stanno adoperando ormai da giorni per chiudere intere città e tentare di frenare il propagarsi dell’epidemia.

Chi, invece, non sembra affatto consapevole della gravità della situazione è il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro, che ieri ha tenuto un pericoloso discorso alla Nazione minimizzando la situazione e paragonando il coronavirus a poco più un’influenza.

Collegato in diretta TV, Bolsonaro ha accusato i media di diffondere la paura tra i cittadini ed è arrivato anche a lanciare un appello ai sindaci e ai governatori affinché rivedano al ribasso le misure restrittive imposte nelle ultime settimane per limitare l’epidemia di COVID-19.

Le nostre vite devono andare avanti. Dobbiamo tornare alla normalità.

Un discorso pericoloso e potenzialmente criminale che minimizza l’assoluta gravità della situazione:

Con la mia storia di atleta, se fossi stato contagiato dal virus non avrei avuto ragione di preoccuparmi. Non avrei sentito nulla o sarebbe stata soltanto una piccola influenza.

Bolsonaro ha confermato i rischi per le persone che hanno più di 60 anni, ma ha lanciato un messaggio molto pericoloso: tutti gli altri non hanno nulla da temere.

Le parole di Bolsonaro sono state accolte, come è giusto che sia, da enormi polemiche. Il Presidente del Senato del Brasile, Davi Alcolumbre, ha invocato una nuova leadership che sia seria e responsabile:

Consideriamo molto grave la posizione espressa dal Presidente sui network nazionali. La posizione va contro le azioni adottate da altri Paesi e suggerite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

I cittadini sono spaventati e ben consapevoli di come Bolsonaro stia sottovalutando questa grave emergenza e stanno seguendo le direttive che arrivano dai governatori e dai vari sindaci, rimanendo a casa il più possibile e limitando gli spostamenti.

È evidente che Bolsonaro, negazionista non soltanto nei confronti dell’epidemia di COVID-19, ma anche in quelli del cambiamento climatico, voglia togliersi ogni possibile responsabilità facendo ricadere tutto sui governi e le autorità locali, anche se a farne le spese saranno come al solito i cittadini.

I Video di Blogo

Video inedito del Daily Mail sull’arresto di George Floyd

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →