Sei Nazioni 2013: Inghiterra vs. Scozia, Calcutta Cup ma non solo

La più antica sfida ovale vede di fronte una delle favorite al titolo e una squadra che, invece, deve ritrovarsi.

Stuart Lancaster, coach dell’Inghilterra, spera di ritrovare lo spirito di Twickenham, facendo solo due cambi rispetto alla formazione che ha superato la Nuova Zelanda per l’esordio nell’RBS 6 Nazioni contro la Scozia.

Con Manu Tuilagi fuori per infortunio, Billy Twelvetrees ottiene la possibilità di debuttare, con il peso sulle spalle di fornire una prestazione all’altezza di Tuilagi nella grandiosa vittoria di novembre.

L’unico altro cambio nel XV titolare è il pilone degli Harlequins Joe Marler che sostituisce l’infortunato Alex Corbisiero. Rinnovata, invece, la panchina, dove arrivano Dylan Hartley, Toby Flood e David Strettle al posto di David Paice, Freddie Burns e Jonathan Joseph.

La via per la redenzione dopo il pessimo Mondiale 2011 iniziò proprio con la Scozia un anno fa al Murrayfield, nello scorso Sei Nazioni, quando l’Inghilterra ottenne una sofferta vittoria per 13-6 e conquistò la Calcutta Cup, vinta dagli inglesi oltre la metà delle volte da quando è stata messa in palio. Ma a Lancaster non basta.

Siamo felici di poter confermare buona parte della squadra che ha vinto con la Nuova Zelanda, soprattutto perché tutti hanno mantenuto ottimi standard con i rispettivi club ultimamente. Alcune scelte sono state difficili, con giocatori esperti tornati in corsa, ma sono sicuro che saranno decisivi partendo dalla panchina. Non vediamo l’ora di tornare a Twickenham e speriamo di ritrovare l’entusiasimo di novembre. E’ importante il pubblico – le parole di Lancaster –. L’anno scorso eravamo un gruppo “temporaneo” e probabilmente nessuno si aspettava che vincessimo in Scozia, mentre ora tutto è ribaltato. Ma la Nuova Zelanda non conta nulla sabato, dobbiamo pensare alla Scozia e rispettarla”.

Un debuttante anche per la Scozia, con il neozelandese Sean Maitland schierato all’ala dal coach ad interim Scott Johnson. Dopo sei anni torna anche il tallonatore Dougie Hall, così come la terza linea Johnnie Beattie, rinato da quando gioca in Francia a Montpellier. Maitland, 24 anni, ha giocato solo una manciata di partite con i Glasgow Warriors da quando è arrivato in Scozia, ma Johnson non ha avuto dubbi a schierarlo per provare a vincere a Twickenham dopo trent’anni.

Sean Maitland è molto fiero di indossare la maglia della Scozia. La sua famiglia sarà entusiasta, visto che lo hanno cresciuto in Nuova Zelanda senza mai fargli dimenticare le sue origini scozzesi, facendolo svegliare all’alba per vedere gli incontri del Cinque e Sei Nazioni in tv. Ha già dimostrato il suo valore da quando è arrivato a Glasgow, confermando le buone cose che avevamo visto ai tempi dei Crusaders nel Super Rugby” dice Johnson.

INGHILTERRA – SCOZIA
Sabato 2 febbraio, ore 17.00 – Twichenham, Londra
Inghilterra:
15 Alex Goode, 14 Chris Ashton, 13 Brad Barritt, 12 Billy Twelvetrees, 11 Mike Brown, 10 Owen Farrell, 9 Ben Youngs, 8 Ben Morgan, 7 Chris Robshaw (capt), 6 Tom Wood, 5 Geoff Parling, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Tom Youngs, 1 Joe Marler.
In panchina: 16 Dylan Hartley, 17 David Wilson, 18 Mako Vunipola, 19 Courtney Lawes 20 James Haskell, 21 Danny Care, 22 Toby Flood, 23 David Strettle.
Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Sean Maitland, 13 Sean Lamont, 12 Matt Scott, 11 Tim Visser, 10 Ruaridh Jackson, 9 Greig Laidlaw, 8 Johnnie Beattie, 7 Kelly Brown (capt), 6 Alasdair Strokosch, 5 Jim Hamilton, 4 Richie Gray, 3 Euan Murray, 2 Dougie Hall, 1 Ryan Grant.
In panchina: 16 Ross Ford, 17 Moray Low, 18 Geoff Cross, 19 Alastair Kellock, 20 David Denton, 21 Henry Pyrgos, 22 Duncan Weir, 23 Max Evans.
Arbitro: Alain Rolland

credit image by Getty Images

SONDAGGIO: CHI VINCERA’ IL SEI NAZIONI 2013?

LA PROGRAMMAZIONE TV DELLA PRIMA GIORNATA DEL SEI NAZIONI

TUTTI I LINK PER VEDERE IL SEI NAZIONI 2013 IN STREAMING

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter e @Google