Sud Africa, dall’inizio dell’anno massacrati 57 rinoceronti

Sudafrica, la strage di rinoceronti continua, uccisi due capi al giorno. Da inizio gennaio sono 57 i pachidermi massacrati nei parchi nazionali

Due rinoceronti al giorno, questa la media della mattanza che i bracconieri provenienti dal Mozambico stanno effettuando nei confronti dei rinoceronti del Sud Africa. Nell’ultimo mese il numero dei capi abbattuti è stato di 57. Lo rivela un recente rapporto pubblicato dall’emittente Capital FM sul fenomeno del bracconaggio secondo cui l’area più colpita è quella del parco nazionale di Kruger.

Nonostante siano state intensificate le operazioni antibracconaggio, con l’ausilio dell’esercito e di un aereo di sorveglianza, il dipartimento degli affari ambientali ha rilevato un aumento esponenziale del fenomeno del bracconaggio legato alla crescente domanda del mercato illegale asiatico. “Il numero di bracconieri arrestati � aumentato dentro e fuori il Parco”, ha detto il capo esecutivo del South African National Park, David Mabunda.

Secondo le autorità i bracconieri provengono dal vicino Mozambico e l’attività di caccia è aumentata in concomitanza con le forti alluvioni che hanno interessato la zona e che hanno spinto le comunità locali a cercare cibo e fonti di guadagno altrove.

I Video di Blogo