Coronavirus: la Germania rischia 10 milioni di contagiati

L’infettivologo Lothar Wieler, presidente del Robert Koch Institute, avvisa i tedeschi: “Abbiamo uno sviluppo esponenziale dell’epidemia”

La Germania rischia qualcosa come 10 milioni di contagiati da coronavirus: l’allarme è di Lothar Wieler, presidente del Robert Koch Institute. “Abbiamo uno sviluppo esponenziale dell’epidemia”, dichiara Wieler che invita tutti i tedeschi a limitare i contatti ed a seguire le direttive del governo. L’Italia è stata la prima a decretare il cosiddetto “lockdown”, ovvero la chiusura di tutto o quasi, esempio poi seguito forse tardivamente da Francia e Spagna. In Germania non si è ancora arrivati a questo punto, ma l’impressione è che presto Angela Merkel sarà costretta ad adeguarsi.

Secondo i dati dell’agenzia governativa RKI, i contagiati da COVID-19 in Germania risultano (a ieri) 8.200, ovvero +1.000 rispetto al giorno prima. È per questo motivo che l’infettivologo Wieler invita tutti gli 80 milioni di tedeschi a rispettare il distanziamento sociale chiesto dalle istituzioni. Proprio oggi, intanto, Angela Merkel ha presieduto un consiglio dei ministri che aveva all’ordine del giorno le nuove misure da adottare contro l’emergenza coronavirus. Sul tavolo anche il rimpatrio delle decine di migliaia di turisti tedeschi attualmente bloccati all’estero e il transito delle merci. Come da protocollo, riportano le agenzie di stampa tedesca, durante il vertice i ministri hanno mantenuto la distanza di sicurezza.

I Video di Blogo