Sciabola, Trofeo Luxardo 2017: trionfa Szatmari. Curatoli fermo ai quarti

Anche per le ragazze del fioretto a Danzica quarti fatali.

È ungherese il vincitore del 60° Trofeo “Luxardo” a Padova, tappa italiana della Coppa del Mondo di sciabola maschile: Andras Szatmari si è imposto in finale per 15-12 contro l’iraniano Mojtaba Abedini, mentre il bronzo è andato ai sudcoreani Kim Junghwan e Oh Sanguk.

L’avventura degli italiani si è fermata ai quarti di finale, quando Luca Curatoli, l’ultimo degli azzurri rimasto in gara, è stato battuto da Abedini per 15-10. Diego Occhiuzzi, Aldo Montano, Lorenzo Romano ed Enrico Berrè sono usciti tutti agli ottavi di finale, mentre ai sedicesimi sono stati eliminati Leonardo Dreossi, Cristiano Imparato, Massimiliano Murolo, Stefano Scepi, Luigi Samele e Luigi Miracco.

Fuori già al primo turno del tabellone principale Alberto Pellegrini, Francesco D’Armiento, Francesco Bonsanto, Stefano Sbragia, Gabriele Foschini e Matteo Neri, mentre Riccardo Nuccio, Leonardo Affede, Dario Cavaliere, Giovanni Repetti, Ciro Tomaselli e Antongiulio Stella non hanno superato le qualificazioni.

Non hanno avuto molta fortuna oggi neanche le azzurre del fioretto, che solitamente non tornano mai a casa senza medaglie. Nella tappa di Coppa del Mondo a Danzica l’Italia ha dovuto rinunciare ad Arianna Errigo, alle prese con problemi di salute. Le migliori sono state Martina Batini, Valeria Cipriani e Camilla Mancini, che sono riuscite ad arrivare fino ai quarti di finale, dove sono state eliminate rispettivamente dalla russa Svetlana Tripapina per 15-14, dalla francese Astrid Guyart per 15-12 e dall’altra francese Pauline Ranvier per 15-10.

Alice Volpi è uscita agli ottavi, battuta dalla russa Adelina Zagidullina per 15-13, mentre ai sedicesimi sono state fatte fuori Elisa Vardaro, Francesca Palumbo e Erica Cipressa, al primo turno del tabellone principale è stata eliminata Chiara Cini, mentre Olga Rachele Calissi, Valentina De Costanzo e Serena Teo non hanno superato le qualificazioni.

Foto © Bizzi/FIE