Coronavirus, Dublino cancella la tradizionale parata di San Patrizio

L’emergenza in Italia sta spingendo i Paesi UE a giocare d’anticipo e cancellare gli eventi per cui si prevedono grandi assembramenti di persone. Dublino cancella la parata di San Patrizio.

L’Italia ad oggi risulta il Paese del Mondo più colpito dall’epidemia di coronavirus COVID-19 dopo la Cina e la Corea del Sud, ma anche altrove, e in modo particolare in Europa, i casi di positività al nuovo virus aumentano col passare delle ore e anche in quei Paesi che in un primo momento sembrano aver sottovalutato la diffusione dell’epidemia si sta prendendo consapevolezza di quanto la situazione potrebbe peggiorare all’improvviso.

E così Dublino ha deciso di cancellare la tradizionale parata del giorno di San Patrizio in programma per martedì 17 marzo 2020. La decisione di Dublino arriva a poche ore dalla cancellazione di un’altra parata molto popolare, quella in programma a Cork e in grado ogni anno di richiamare fino a 50mila persone.

L’Irlanda al momento conta 21 casi di positività al coronavirus COVID-19, ma il Ministro della Salute Simon Harris ha deciso di giocare d’anticipo ed evitare che migliaia di persone si riversino in strada da tutta Europa. L’epidemia è stata definitiva molto seria anche dai politici dell’Irlanda, che vogliono evitare in ogni modo possibile una situazione drammatica come quella che sta vivendo l’Italia in queste settimane.

Il governo sta già lanciando appelli ai cittadini, sottolineando come la gestione di una possibile emergenza non sia soltanto compito delle istituzioni, ma anche degli stessi cittadini che dovranno mutare temporaneamente il modo di vivere così da contenere il più possibile l’epidemia.

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd