Coronavirus, nuove zone rosse: oggi si decide | Nuovi poteri alla Protezione civile e 20.000 assunzioni nella Sanità

Coronavirus, più poteri alla Protezione civile, nuove misure più restrittive e 20mila assunzioni di medici e infermieri

Disposizioni più rigide per fronteggiare la diffusione del coronavirus in Italia. Lo spiegano fonti del governo all’Adnkronos: “Ci saranno norme più restrittive per l’intero territorio nazionale per limitare le ipotesi di assembramenti”.

Nel Decreto del Presidente del Consiglio, la firma è attesa per oggi, c’è l’ipotesi di istituire nuove zone rosse in Lombardia, in particolare nel bergamasco (Alzano, Nembro), ma anche zone gialle più estese.

Il governo ieri ha poi dato alla Protezione Civile poteri “speciali”: potrà requisire in via temporanea, da soggetti pubblici o privati, presidi sanitari e medico-chirurgici, beni mobili, immobili (come alberghi per la quarantena) e strutture ospedaliere fino al 31 luglio o fino al termine dell’emergenza. Gli espropri daranno diritto a un’indennità pari “al 100% del valore” per le requisizioni d’uso.

Il governo ha predisposto anche un piano di assunzioni straordinario nella sanità: si parla di 20mila posti, tra medici, infermieri e operatori sanitari. Per rafforzare la terapia intensiva, vera preoccupazione per gli ospedali in questa fase, arriveranno a breve altri 5.000 impianti di ventilazione assistita, acquistati dalla Protezione civile tramite Consip con procedure più veloci e semplificate.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →