Dubai Tour 2017, terza tappa: vittoria di Degenkolb al fotofinish, Colbrelli terzo | Video

Secondo Reinhardt Janse Van Rensburg della Dimension Data. In top ten altri tre italiani.

Un’altra vittoria tedesca al Dubai Tour 2017, ma questa volta, dopo i due sigilli di Marcel Kittel nelle prime due tappe, è arrivato quello del suo connazionale ed ex compagno di squadra John Degenkolb, che ha così trovato il primo successo con la nuova maglia, quella della Trek Segafredo. Il capitano della Quick-Step Floors, anche se oggi è rimasto fuori dalla top-ten, è comunque riuscito a difendere la maglia di leader e guida la classifica generale davanti a
Dylan Groenewegen della LottoNL-Jumbo e lo stesso Degenkolb.

La tappa odierna è stata caratterizzata dal vento, che ha portato molta sabbia sulla strada, causando numerose cadute. A un certo punto sia Kittel sia Degenkolb hanno parlato con i giudici per cercare di capire se fosse il caso di continuare a correre in quelle condizioni, poi, per fortuna, il vento si è calmato e la tappa è stata portata a conclusione. Lo stesso Kittel è apparso sanguinante dal sopracciglio sinistro, inizialmente si credeva a causa di una caduta, ma a fine corsa ha detto di essere stato colpito da un corridore dell’Astana e lui e la sua squadra hanno chiesto alla giuria di prendere provvedimenti.

La fuga di giornata è stata lanciata dopo una ventina di chilometri dal via da Mark Christian dell’Aqua Blue Sport (che è stato in fuga anche ieri), poi raggiunto da Luka Pibernik della Bahrain-Merida, Loic Vliegen della BMC e Alex Dowsett della Movistar. Il loro vantaggio massimo è stato intorno ai sei minuti, poi è sceso a 1’ 20” ai -75 km. Dowsett è stato il primo a essere ripreso dal gruppo trascinato da Bob Jungels della Quick-Step Floors, ai -6 km, poco dopo è toccato a Vliegen, poi anche Christian e Pibernik sono stati riacciuffati proprio negli ultimi chilometri.

La tappa, come ci si aspettava, si è risolta con una volata, anche se molti corridori sono rimasti tagliati fuori dallo sprint finale. Tra gli esclusi Kittel e anche Mark Cavendish, la cui squadra ha lanciato la volata, ma non vedendolo ha rallentato, poi, alla fine, il suo compagno Reinardt Janse Van Rensburg si è assunto la responsabilità di lottare per la vittoria di tappa e ce la stava quasi facendo, ma è stato battuto al fotofinish da Degenkolb, più bravo di lui nel colpo di reni finale.

Al terzo posto si è piazzato Sonny Colbrelli della Bahrain-Merida, che praticamente non aveva un suo treno da inseguire, ma è stato molto bravo a sfruttare le scie degli altri. In top-ten troviamo anche Riccardo Minali dell’Astana, ieri ottavo e oggi quinto, Elia Viviani del Team Sky, settimo, e Daniele Bennati della Movistar, decimo.

Questi i primi dieci al traguardo della terza tappa (200 km da Dubai ad Al Aqah), tutti con lo stesso tempo:
1) John Degenkolb (Germania) Trek-Segafredo 4h 03’ 08”
2) Reinardt Janse Van Rensburg (Sudafrica) Dimension Data
3) Sonny Colbrelli (Italia) Bahrain-Merida
4) Juan Jose Lobato (Spagna) Team LottoNl-Jumbo
5) Riccardo Minali (Italia) Astana Pro Team
6) Jean-Pierre Drucker (Lussemburgo) BMC Racing Team
7) Elia Viviani (Italia) Team Sky
8) Dylan Groenewegen (Olanda) Team LottoNl-Jumbo
9) Adam Blythe (Gran Bretagna) Aqua Blue Sport
10) Daniele Bennati (Italia) Movistar Team

E questa la situazione nelle prime posizioni della classifica generale dopo tre tappe:
1) Marcel Kittel (Germania) Quick-Step Floors 12h 34’ 54”
2) Dylan Groenewegen (Olanda) Team LottoNL-Jumbo +8”
3) John Degenkolb (Germania) Trek-Segafredo +10”
4) Nicola Boem (Italia) Bardiani CSF +13”
5) Jean-Pierre Drucker (Lussemburgo) BMC Racing Team +14”
6) Reinardt Janse Van Rensburg (Sudafrica) Dimension Data +14”
7) Alex Dowsett (Gran Bretagna) Movistar Team +14”
8) Thomas Stewart (Gran Bretagna) ONE Pro Cycling +14”
9) Jakub Mareczko (Italia) Wilier Triestina +16”
10) Mark Cavendish (Gran Bretagna) Dimension Data +16”