Dubai Tour 2017, seconda tappa: bis di Kittel, Mareczko terzo | Video

In top-ten anche Sacha Modolo, Riccardo Minali e Marco Maronese.

[blogo-video id=”457824″ title=”Dubai Tour 2017: ultimi chilometri e arrivo della seconda tappa” content=”” provider=”youtube” image_url=”https://i.ytimg.com/vi/0Ua5AcwOzZY/hqdefault.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=0Ua5AcwOzZY” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fNDU3ODI0JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNTAwIiBoZWlnaHQ9IjI4MSIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC8wVWE1QWN3T3paWT9mZWF0dXJlPW9lbWJlZCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj48L2lmcmFtZT48c3R5bGU+I21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzQ1NzgyNHtwb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fNDU3ODI0IC5icmlkLCAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fNDU3ODI0IGlmcmFtZSB7cG9zaXRpb246IGFic29sdXRlICFpbXBvcnRhbnQ7dG9wOiAwICFpbXBvcnRhbnQ7IGxlZnQ6IDAgIWltcG9ydGFudDt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O2hlaWdodDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O308L3N0eWxlPjwvZGl2Pg==”]

Proprio come ci si aspettava anche la seconda tappa del Dubai Tour 2017, da Dubai a Ras al Khaimah, lunga 188 km, è finita in volata e, anche questo ce lo aspettavamo, ha trionfato di nuovo Marcel Kittel della Quick-Step Floors, come nella prima tappa. Il tedesco, ovviamente, resta leader della classifica generale con 8” di vantaggio sul secondo che è l’olandese Dylan Groenewegen, arrivato secondo sia nella prima sia nella seconda tappa.

Oggi al terzo posto si è piazzato l’azzurro Jakob Mareczko della Wilier Triestina e in top-ten troviamo anche altri tre italiani: Sacha Modolo della UAE Abu Dhabi, quinto, poi i due neo-professionisti Riccardo Minali dell’Astana e Marco Maronese della Bardiani CSF. Uno dei corridori più attesi, Mark Cavendish della Dimension Data, ieri terzo dietro Kittel e Groenewegen, oggi è arrivato solo settimo.

Ricordiamo che Marcel Kittel è a Dubai in qualità di detentore del titolo e sembra proprio sulla buona strada per difenderlo fino in fondo, visto che questa è una corsa sostanzialmente per velocisti.

La fuga di giornata è stata animata da Jean-Pierre Drucker della BMC, Mark Christian dell’Aqua Blue Sport, Yousef Mohamed Mirza del Team UAE, Simone Andreetta della Bardiani-CSF e Samuel Williams della One Pro Cycling. Il loro vantaggio massimo è stato di circa cinque minuti e il primo a farsi riprendere dal gruppo è stato Drucker, interessato ai traguardi volanti (vinti entrambi). Ai -11 km dal traguardo sono stati ripresi tutti i battistrada ed è cominciata la solita lotta tra i treni delle squadre dei velocisti per guadagnare la migliore posizione possibile per i propri capitani in vista dello sprint finale.

Matteo Trentin e Fabio Sabatini hanno tirato la volata a Kittel che ha dato l’ennesima dimostrazione di superiorità in queste situazioni e ha bruciato nuovamente Groenewegen.

Questi i primi dieci al traguardo della seconda tappa, tutti con lo stesso tempo:
1) Marcel Kittel (Germania) Quick-Step Floors 4h 25’ 33”
2) Dylan Groenewegen (Olanda) Team LottoNl-Jumbo
3) Jakub Mareczko (Italia) Wilier Triestina
4) John Degenkolb (Germania) Trek-Segafredo
5) Sacha Modolo (Italia) Team UAE Abu Dhabi
6) Juan Jose Lobato (Spagna) Team LottoNl-Jumbo
7) Mark Cavendish (Gran Bretagna) Dimension Data
8) Riccardo Minali (Italia) Astana Pro Team
9) Marco Maronese (Italia) Bardiani CSF
10) Adam Blythe (Gran Bretagna) Aqua Blue Sport

E queste sono le prime posizioni della classifica generale dopo le prime due frazioni:
1) Marcel Kittel (Germania) Quick-Step Floors 8h 31’ 46”
2) Dylan Groenewegen (Olanda) Team LottoNl-Jumbo +8”
3) Nicola Boem (Italia) Bardiani CSF +13”
4) Jean-Pierre Drucker (Lussemburgo) BMC +14”
5) Thomas Stewart (Gran Bretagna) One Pro Cycling +14”
6) Mark Cavendish (Gran Bretagna) Dimension Data +16”
7) Jakub Mareczko (Italia) Wilier Triestina +16”
8) Yousif Mirza (Emirati Arabi) UAE Abu Dhabi +16”
9) Silvan Dillier (Svizzera) BMC +16”
10) Peter Williams (Gran Bretagna) One Pro Cycling +19”