Europee 2009: diario elettorale

Chi non ha visto in questi giorni a ridosso delle Europee un manifesto di Pierferdinando Casini alzi la mano. Il leader dell’Udc ha tappezzato la Penisola con i suoi cartelloni 6×3. In primo piano ovviamente lui con Caterina e Francesco, i due figli avuti con Azzurra Caltagirone. “Un disegno comune”, recita l’acronimo scelto per la

Chi non ha visto in questi giorni a ridosso delle Europee un manifesto di Pierferdinando Casini alzi la mano. Il leader dell’Udc ha tappezzato la Penisola con i suoi cartelloni 6×3. In primo piano ovviamente lui con Caterina e Francesco, i due figli avuti con Azzurra Caltagirone. “Un disegno comune”, recita l’acronimo scelto per la campagna.

Una scelta “non banale – ha sottolineato ieri Casini ospite di Otto e mezzo su La7 – perchè credo che il futuro del nostro Paese sia il futuro dei nostri figli, delle nostre famiglie. Essere con i miei figli in campagna elettorale significa dare un peso alla campagna che sto conducendo”. “Credo – ha aggiunto – che sia un modo di dimostrare che la nostra famiglia è in pista, perchè i valori sono importanti”.

Insomma: “In campagna elettorale con miei figli perché famiglia conta”, sintetizza l’Adnkronos nel lancio delle 21:02. E non bisogna essere necessariamente bacchettone o baciapile per ricordare al nostro Pirfurby che la famiglia – volendosi ispirare ai valori di Santa Romana Chiesa – è tutt’altra cosa. Sopratutto se – come dice il Santo Padre Benedetto XVI – il divorzio è una delle “piaghe” della società moderna.

I Video di Blogo