Strage di Erba: Olindo Romano ribadisce di essere innocente, domani riprenderà il processo d’appello

Olindo Romano, condannato all’ergastolo insieme alla moglie Rosa Bazzi per la strage di Erba, continua a ribadire la sua innocenza. Questa volta l’ha fatto in una lettera scritta a Mario Frigerio, unico sopravvissuto alla strage, e pubblicata in esclusiva da News Mediaset: Ci chiedevamo come facevano a raggirare, manipolare le persone. Sino quando poi è


Olindo Romano, condannato all’ergastolo insieme alla moglie Rosa Bazzi per la strage di Erba, continua a ribadire la sua innocenza.

Questa volta l’ha fatto in una lettera scritta a Mario Frigerio, unico sopravvissuto alla strage, e pubblicata in esclusiva da News Mediaset:

Ci chiedevamo come facevano a raggirare, manipolare le persone. Sino quando poi è toccato a noi essere manipolati, usati da chi smaschera questi truffatori. Eppure non ha esitato a usare i loro stessi metodi, con noi e con lei Signor Frigerio. Lei sa che non sono io il suo aggressore. Non sono io che ha visto quella sera.


Olindo ribadisce la versione sostenuta dalla difesa: la confessione di Frigerio, mentre si trovava ancora in ospedale, sarebbe stata “guidata” dal maresciallo Gallorini:

In quel periodo drammatico della sua vita – in buona fede – senza rendersene conto – contro la sua volontà – il maresciallo Gallorini le ha fatto dire ciò che lui voleva che lei dicesse, il mio nome, Olindo.

Continua poi sottolineando che nel corso delle indagini e del processo sono stati fatti tanti errori e che la verità non è mai emersa:

Poi col tempo si capisce. Non è mai troppo tardi. Noi ci siamo rialzati. Lo faccia anche lei – solo così si può arrivare alla verità. Non quella che da tre anni alcuni vogliono far apparire come tale. Si è mai chiesto cosa c’è dietro tanti errori e indagini mal fatte?

La lettera è stata scritta alla vigilia del ritorno in aula dei due imputati: domani, come previsto dal calendario, riprenderà il processo d’appello per i coniugi Romano. La sentenza, invece, è attesa per martedì prossimo, 20 aprile.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →