Roma vista dai giornali stranieri. Consigli per i turisti di Pasqua

Roma a Pasqua sarà invasa dai turisti, lo avevamo già detto, soprattutto per il calore che sta suscitando attorno a sé Papa Francesco. E allora sulle testate straniere i giornalisti si sono scatenati a suggerire itinerari per visitare la città, dando indicazioni su cosa vedere, cosa mangiare e comprare a Roma in primavera.

di sara10

Spazio dunque, in questa Pasqua, ai luoghi in cui l’arte si intreccia con la devozione, per scoprire dei posti anche un po’ meno usuali, come ad esempio la Scala Santa, suggerisce Rome Reports. E alcuni si attrezzano dando orari e luoghi in cui le celebrazioni sono in inglese (su Wanted in Rome).

Forbes suggerisce il classico giro in un giorno per vedere i luoghi “imprescindibili” in un giorno solo, ma ci sono tante altre cose da fare se non si vuole venire proprio a ridosso di Pasqua.

Viene citata dal Telegraph ad esempio la festa delle Azalee, che adornano meravigliosamente l’amata Piazza di Spagna, e – ad aprile – la Settimana della cultura e il 21 il Natale di Roma, ma anche, a maggio, la discesa del Tevere in canoa e il Festival musicale barocco (che potrebbero interessare anche noi romani, ovvio).

In questo senso il reportage che ci piace di più è quello di Financial Review, che è andato alla ricerca dei posti “meno turistici”, proponendo una panoramica per vivere come un “locale”.

Vediamo citati a san Lorenzo Said e la pasticceria Bocca di Dama, oltre alla gioielleria artigiana La grande Officina. Poi ci sono Contrasto, Tuba e Primo al Pigneto, alcuni locali di via del Pellegrino o l’osteria la Quercia a Campo de’ Fiori. E’ il genere di liste a cui dare un’occhiata, se anche noi abbiamo voglia di fare i turisti a casa nostra.