Franceschini: “Il 25 marzo sarà il Dantedì”. Istituita la giornata dedicata ad Alighieri

Finalmente una giornata per il Sommo Poeta.

Il ministro per i Beni e le attività culturali e per il Turismo Dario Franceschini ha oggi dato una notizia a cui teneva molto: il Consiglio dei Ministri ha approvato la sua proposta, sotto forma di direttiva, che istituisce la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri. Sarà celebrata ogni anno il 25 marzo.

Nel 2021 ricorrerà il settimo centenario della morte del Sommo Poeta e l’Italia preparerà dunque le celebrazioni per ricordare colui che è ritenuto il padre delle lingua italiana. È vissuto dal 1265 al 1321 e la proposta di indire una giornata nazionale in suo nome è stata oggetto di diversi atti parlamentari, inoltre ha avuto il sostegno di intellettuali, studiosi, istituzioni culturali, a partire dall’Accademia della Crusca.

Il ministro Franceschini ha spiegato perché è stato scelto il 25 marzo:

“Ogni anno, il 25 marzo, data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia, si celebrerà il Dantedì. Una giornata per ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con moltissime iniziative che vedranno un forte coinvolgimento delle scuole, degli studenti e delle istituzioni culturali”

E poi il ministro ha aggiunto:

“A un anno dalle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante sono già tanti i progetti al vaglio del Comitato per le celebrazioni presieduto dal professore Carlo Ossola”

In conclusione Franceschini ha detto:

“Dante ricorda molte cose che ci tengono insieme: Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia”

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd