Elezioni Marche 2020: il M5S correrà da solo o con liste civiche

Nessuna alleanza con altri partiti.

Il MoVimento 5 Stelle non ha alcuna intenzione di ripetere l’esperimento fallimentare fatto in Umbria e oggi ha annunciato che anche nelle Marche correrà da solo, non si alleerà con altri partiti, ma, al massimo, potrebbe avere il sostegno di alcune liste civiche.

Per ora, comunque, è ancora tutto il alto mare, quindi quasi certamente ci saranno le “regionarie” per stabilire chi sarà il candidato Presidente nelle Marche. Ricordiamo che per queste elezioni regionali del 2020 non c’è ancora una data precisa. Emilia-Romagna e Calabria stanno andando al voto il prossimo 26 gennaio, ma avrebbero dovuto votare già nel 2019, mentre nelle Marche, così come in Puglia, Toscana, Veneto, Campania e Liguria, si voterà in tarda primavera, tra fine maggio e inizio giugno e presumibilmente ci sarò un election day con le amministrative. Nelle Marche per esempio si vota anche in alcuni capoluoghi come Fermo e Macerata.

In una nota il M5S ha ufficializzato la propria decisione:

“Il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, e Danilo Toninelli, responsabile delle campagne elettorali del MoVimento – si legge in una nota del Movimento – hanno incontrato questa mattina i due referenti per le elezioni regionali nelle Marche, Gianni Maggi e Martina Parisse, per definire la collocazione del MoVimento 5 Stelle. È stato rilevato che non ci sono le condizioni politiche per pensare a un patto civico che comprenda anche i partiti. Il MoVimento 5 Stelle, dunque, si presenterà alle prossime elezioni regionali nelle Marche da solo o con eventuali liste civiche”

Attualmente le Marche sono guidate da Luca Ceriscioli, del centrosinistra, che vorrebbe ricandidarsi, ma molto probabilmente dovrà passare per delle primarie. Ci sono anche tra i papabili a sinistra la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli.

A destra Fratelli d’Italia vorrebbe candidare Francesco Acquaroli, candidato anche nel 2015, in alternativa ci sarebbe l’ex sindaco di Ascoli, Guido Castelli, passato da Forza Italia a Fratelli d’Italia. Nelle prossime settimane gli iscritti alla piattaforma Rousseau saranno molto probabilmente chiamati a esprimersi sul candidato Presidente nelle Marche.