Libia, Serraj ha firmato l’accordo: Haftar chiede più tempo

Firmato solo a metà l’accordo per il cessate il fuoco in Libia. Il generale Khalifa Haftar ha chiesto fino a domattina per leggere il documento e decidere se firmare.

L’accordo per il nuovo cessate il fuoco in Libia è sempre più vicino. Oggi il primo ministro libico Fayez al-Serraj ha firmato a Mosca l’accordo insieme al presidente dell’Alto consiglio di Stato, Khaled Mishri.

Non è invece arrivata la firma dell’altra parte coinvolta, il capo dell’autoproclamato Esercito nazionale libico Khalifa Haftar, che ha chiesto più tempo per decidere e rimandato l’eventuale firma a domattina. E lo stesso ha fatto Aguila Saleh Issa, presidente del Parlamento trasferito a Tobruk.

I due, forse in una mossa di potere, hanno chiesto del tempo aggiuntivo per studiare bene il documento da firmare. O almeno è quello che ha dichiarato in conferenza stampa il Ministro degli Esteri della Russia Sergei Lavrov, secondo il quale i due “considerano in modo positivo il documento e hanno chiesto fino a domani mattina per prendere una decisione sulla firma“:

Spero che questa decisione sarà positiva.

Se Lavrov si è detto positivo, via twitter l’autoproclamato Esercito nazionale libico ha precisato che le forze del generale Haftar sono ancora presenti a Tripoli e non hanno intenzione di ritirarsi neanche di un passo: “Siamo determinati a liberare il suolo libico dalle milizie e dai gruppi terroristici“.