Tour Down Under 2017: il trionfo di Porte nella generale. A Ewan anche l’ultima tappa | Video

Su sei tappe, quattro vittorie di Ewan e due di Porte che si aggiudica la generale.

Il Tour Down Under, prima corsa World Tour del 2017, si è chiuso oggi con la vittoria di Richie Porte della BMC nella classifica generale e il quarto successo di tappa di Caleb Ewan dell’Orica-Scott. In pratica i due australiani hanno dominato, senza rivali, la corsa di casa.

Su sei tappe totali abbiamo assistito ai quattro trionfi di Ewan nelle frazioni veloci e ai due successi di Porte negli arrivi in salita. E Ewan aveva vinto anche la People’s Choice Classic, tradizionale corsa per velocisti che precede di due giorni il Tour Down Under.

Anche oggi il campione del mondo Peter Sagan, della Bora-Hansgrohe, si è dovuto accontentare della piazza d’onore alle spalle di Ewan, tuttavia il suo è stato un ottimo Tour Down Under che lo ha visto sempre presente negli sprint finali e sempre piazzato, non male all’inizio di stagione, visto che i suoi obiettivi sono ben altri.

Al terzo posto oggi si è piazzato Marko Kump dell’UAE Abu Dhabi, mentre il primo degli italiani al traguardo è stato Domenico Pozzovivo dell’AG2R La Mondiale, 15°, poi Niccolò Bonifazio della Bahrain-Merida 19° e Diego Ulissi dell’UAE Abu Dhabi 20°. Ulissi è il primo italiano in classifica generale grazie all’ottimo quinto posto a 59” da Porte.

Ewan ha ovviamene vinto la classifica a punti davanti a Danny Van Poppel del Team Sky e Nathan Haas della Dimension Data, il colombiano Jhonatan Restrepo del Team Katusha-Alpecin è il primo nella classifica giovani, mentre il Re della Montagna è Thomas De Gendt della Lotto-Soudal, che anche oggi è stato protagonista di una fuga nei primi giri del circuito di Adelaide, accanto a Gianluca Brambilla della Quick-Step Floors.

La fuga di De Gendt e Brambilla è durata solo pochi giri, fino al primo sprint intermedio vinto da Jay McCarthy della Bora-Hansgrohe, tuttavia il belga è poi riuscito a transitare per primo sul gpm di giornata, aggiudicandosi i punti che gli servivano per staccare Porte nella classifica del Re della Montagna.

Si è poi formata un’altra fuga con lo stesso De Gendt più Johannes Frohlinger (Team Sunweb), Ben O’Connor (Dimension Data), Jaco Venter (Dimension Data), Francois Bidard (AG2R La Mondiale) e Jack Bauer (Quick-Step Floors), che hanno guadagnato quasi un minuto di vantaggio sul gruppo. A quattro giri dal termine Jack Bauer ha attaccato da solo e grazie a questa azione si è guadagnato per il terzo giorno consecutivo il titolo di corridore più combattivo ed è stato ripreso a un solo giro dal termine.

Nell’ultimo giro Bahrain-Merida e Team Sky si sono messe in testa al gruppo, poi è arrivata l’Orica-Scott e Daryl Impey ha tirato la volata a Caleb Ewan che non ha sbagliato nemmeno questa volta e ha messo la sua ruota davanti a tutti.

Questi i primi dieci all’arrivo dell’ultima tappa, tutti con lo stesso tempo:
1) Caleb Ewan (Australia) Orica-Scott 1h 55’ 28”
2) Peter Sagan (Slovacchia) Bora-Hansgrohe
3) Marko Kump (Repubblia Ceca) UAE Abu Dhabi
4) Danny Van Poppel (Olanda) Team Sky
5) Sean De Bie (Belgio) Lotto Soudal
6) Lorrenzo Manzin (Francia) FDJ
7) Koen De Kort (Olanda) Trek-Segafredo
8) Jasha Sutterlin (Germania) Movistar Team
9) Nathan Haas (Australia) Dimension Data
10) Jay McCarthy (Australia) Bora-Hansgrohe

E queste sono le prime posizioni della classifica generale finale:
1) Richie Porte (Australia) BMC Racing Team 19h 55’ 49”
2) Esteban Chaves (Colombia) Orica-Scott +48”
3) Jay McCarthy (Australia) Bora-Hansgrohe +51”
4) Nathan Haas (Australia) Dimension Data +51”
5) Diego Ulissi (Italia) Team UAE Abu Dhabi +59”
6) Rohan Dennis (Australia) BMC Racing Team +1’ 02”
7) Rafael Valls (Spagna) Lotto Soudal +1’ 02”
8) Robert Gesink (Olanda) Team LottoNL-Jumbo +1’ 02”
9) Wilco Kelderman (Olanda) Team Sunweb +1’ 02”
10) Jhonatan Restrepo (Colombia) Team Katusha-Alpecin +1’ 04”

I Video di Blogo