Pro 12: Zebre, con gli Ospreys tante novità

Christian Gajan sfrutterà la trasferta impossibile a Swansea per testare chi ha giocato meno sino a ora.

Dopo i due derby italiani è l’ora di tornare a sfidare gli avversari celtici per le Zebre. E il primo impegno del 2013 si chiama Ospreys, una formazione non certo facile da sfidare per chi è ancora alla ricerca del primo successo. E Gajan lo sa, anche se farà molto turnover.

Buona la prova della mischia e della touche al Monigo, da un maggior possesso dell’ovale parte il 2013 delle Zebre? Abbiamo sistemato qualcosa in questi fondamentali, ma  purtroppo facciamo ancora troppi errori quando abbiamo l’ovale. Continuiamo su questa strada.

La concretezza e la lucidità nella fase offensiva quando arriveranno? Quando avremo più fiducia, frutto di buoni risultati ottenuti col gioco ordinato.

Arriva un avversario davvero lanciato che non perde da 8 turni al Liberty Stadium. 3 impegni in 10 giorni per i gallesi che potrebbero avere la testa al match cruciale di Heineken sabato prossimo contro i Tigers? E’ sempre stimolante per i ragazzi giocare in impianti con tanto pubblico. Non avremo nessun vantaggio e penso che coach Humpries non sottovaluterà l’impegno.

La gara d’andata a Parma vide gli Ospreys vincere 34-16. Loro sono cresciuti molto da quella sfida. Mischieremo un po’ le carte in questa partita: scelte dovute agli infortuni e al rispetto del nostro obiettivo di far crescere e portare al più alto livello possibile tutta la rosa. Proveremo a fare del nostro meglio con l’entusiasmo di giocatori che hanno giocato meno come Fazzari, De Marchi, Ryan, Leibson, Belardo ed al ritorno dopo diversi mesi di Quartaroli.

credit image by Zebre Rugby

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+