Francia in sciopero contro la riforma delle pensioni. Cortei e scontri a Parigi – FOTO

Sciopero dei trasporti ad oltranza in tutta la Francia col supporto di decine di categorie contro la riforma delle pensioni voluta da Emmanuel Macron. Tensioni e scontri a Parigi.

La riforma delle pensioni in Francia voluta dal presidente Emmanuel Macron è andata a scuotere un Paese già in stato di agitazione da diversi mesi e in queste ore milioni di cittadini sono scesi in strada da una parte all’altra della Francia, a cominciare dai gilet gialli che dallo scorso anno stando dando del filo da torcere al governo.

A fermarsi per uno sciopero nazionale oggi sono stati i lavoratori del settore dei trasporti, ma a scendere in strada con loro sono stati anche gli insegnanti e gli studenti, il personale ospedaliero e gli agenti di polizia, ma anche chi si occupa della raccolta dei rifiuti e i dipendenti delle compagnie aeree.

Parigi, come è accaduto con cadenza quasi settimane per l’ultimo anno, è bloccata da ore dai manifestanti e in alcuni casi la situazione è degenerata nella guerriglia urbana, con almeno 500 black bloc – secondo la stampa locale – che hanno provocato gli agenti di polizia e messo a ferro e fuoco la zona nei pressi di Place de la République, nel centro della città.

Al momento si tratta di uno sciopero ad oltranza almeno per quanto riguarda i trasporti locali e nazionali – oggi il 90% dei treni ad alta velocità è stato soppresso – al punto che le Ferrovie Francesi hanno deciso di sospendere le prenotazioni dei biglietti per viaggi effettuati fino all’8 dicembre, prevedendo appunto un prolungarsi della situazione.