Berlusconi e il Pdl fuori dal PPE? Non è proprio così

La ricostruzione fantasiosa di Repubblica

di guido

Chi questa mattina ha aperto Repubblica, cartacea e on-line (ma anche altri quotidiani), ha potuto leggere che “Il PPE scarica Berlusconi” perché “Il candidato PPE è Monti” e che “Il Pdl rischia di essere espulso dal Partito Popolare Europeo”. Una notizia che avrebbe del clamoroso se solo fosse vera: nell’ansia di mettere in cattiva luce il Cavaliere e il suo partito, il quotidiano di Ezio Mauro ha un po’ calcato la mano su quello che è realmente accaduto ieri a Strasburgo, dove il capogruppo del PPE Joseph Daul ha rilasciato dichiarazioni (alcune in conferenza stampa, altre informali) non amichevoli nei confronti dell’ex premier, ma nulla che faccia pensare a una scomunica. Cerchiamo di capire come sono andate le cose.

Per iniziare, bisogna tornare alla famosa riunione del PPE di dicembre, quando Mario Monti si presentò a sorpresa (eclissando Berlusconi), e il capogruppo Daul rimproverò pubblicamente il Cavaliere per aver provocato la caduta del governo tecnico. Ieri, a chi gli chiedeva in conferenza stampa se avesse cambiato idea, Daul ha ribadito quanto aveva già detto, ma ha anche aggiunto:

Non voglio attaccare tutti i giorni il signor Berlusconi e far si che lui possa attaccare me e possa parlare di questa orribile Europa, questa orribile Merkel, di questi orribili francesi e permettergli di dire vedete come si comportano. Ora che siamo in campagna elettorale voglio rispettare l’elettore ed il cittadino italiano

Insomma, dichiarazioni non certo amichevoli ma non una scomunica. Poi arrivano le frasi off-the-record.

Dopo la conferenza stampa, Daul ha rilasciato dichiarazioni informali, non registrate e a titolo personale, peraltro riportate solo dai media italiani e rimbalzate di giornale in giornale. In queste dichiarazioni avrebbe detto:

Il candidato del Ppe è il signor Monti. Ma, come sempre in Italia, la situazione è molto complicata, perché abbiamo anche l’Udc ed il partito di Berlusconi. Che sono tutti membri del Ppe.

Quando queste frasi hanno cominciato a circolare sulle agenzie e a provocare l’immediata reazione del Pdl, dal PPE è arrivata un’immediata smentita, durante un incontro tra lo stesso Daul e la delegazione italiana al PPE. Come riporta Il Sole 24 ore (ma non Repubblica, che glissa sulla smentita), il vicecapo delegazione Sergio Silvestris ha spiegato:

Daul ha chiarito di non aver dichiarato quanto riportato oggi dalle televisioni italiane, nè tantomeno di aver espresso indicazioni in favore di Mario Monti

In conclusione, se anche Daul (che chiaramente non ha simpatie berlusconiane) si è lasciato scappare quella frase con i giornalisti, non l’ha fatto a nome del PPE. E il PPE non si schiera nelle elezioni italiane, come d’altronde non si immischia in sfide interne ai popolari in nessun voto nazionale.

E per quanto riguarda l’espulsione dal PPE? In questo caso la fonte è nientemeno che Ciriaco De Mita, che ha detto di “prevedere un’uscita o un’espulsione del Pdl dal PPE per incompatibilità”. Alla base ci sarebbero le dichiarazioni anti-europee e anti-Merkel di Berlusconi, e l’Huffington Post si spinge a ipotizzare una replica del caso-Schussel, il cancelliere austriaco che venne “sospeso” (non espulso) dal gruppo popolare europeo: in quel caso sul banco degli imputati finì l’alleanza di Schussel con la destra xenofoba di Heider, mentre nel caso del Pdl ci sarebbe l’alleanza con la Lega (che però va avanti da anni senza che il PPE si sia mai espresso).

Secondo Repubblica, la conferma dell’indiscrezione arriverebbe dallo stesso Daul con la dichiarazione “Faremo la sintesi dopo le elezioni. Un partito è un partito, non è un uomo”.
Dichiarazione che però è fra quelle “a margine” della conferenza stampa e smentite. Insomma, che nel PPE Berlusconi sia sopportato a malapena è un dato di fatto, che rischi l’espulsione tutt’altro.

Foto © Getty Images

I Video di Blogo

Parma, poliziotto da un calcio in faccia a un manifestante a terra (VIDEO)

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →