Viterbo, omicidio Ausonio Zappa: condannati i 4 imputati, due ergastoli

Due ergastoli e due condanne a 16 e 12 anni di carcere. Questo il verdetto emesso ieri dal gup di Viterbo Salvatore Fanti nei confronti dei quattro cittadini romeni accusati dell’omicidio di Ausonio Zappa, l’81enne massacrato a sprangate durante una rapina nella sua abitazione nella notte tra il 28 e il 29 marzo nello scorso anno.

La sentenza è arrivata dopo appena due ore di camera di consiglio: i due esecutori materiali, il 20enne Cosmin Oprea e il 23enne Adrian Nicusor Saracil sono stati condannati all’ergastolo. Furono loro, secondo l’accusa, ad introdursi nell’abitazione dell’anziano con lo scopo di compiere una rapina e accanirsi su di lui riducendolo in fin di vita e provocandone la morte dopo dieci giorni di coma.

I due complici, il 26enne Daniel Ionel Ofrea e il 21enne Alexander Petrica Trifan, sono invece stati condannati rispettivamente a 16 e 12 anni di carcere. Loro, secondo quanto ricostruito in tribunale, si sarebbero limitati a fare da pali, non partecipando attivamente al pestaggio.

Il giornalista Gianluca Zappa, figlio della vittima, ha così commentato la decisione del gup:

Giustizia è stata fatta. Il processo si è svolto in tempi record ed ha dimostrato che in Italia la giustizia funziona.

Con questa sentenza si è così chiuso il processo di primo grado, a cui probabilmente seguiranno gli altri due gradi di giudizio. Sarà necessario come al solito attendere che vengano depositate le motivazioni per conoscere quali saranno le prossime mosse delle parti coinvolte.

Foto | La Provincia di Como