ATP Doha 2017: esordio un po’ in affanno per Djokovic. Lorenzi subito fuori

Il numero 2 del mondo ha battuto 7-6(1) 6-3 Jan-Lennard Struff.

C’è stato oggi a Doha l’atteso esordio di Novak Djokovic, che ha chiuso la stagione 2016 al numero 2 del ranking mondiale dietro Andy Murray, anch’egli presente a questo torneo nel Qatar e pronto al debutto domani contro il francese Jérémy Chardy.
A Nole come primo avversario è toccato il tedesco Jan-Lennard Struff, numero 63 della classifica ATP, che oggi è riuscito a dare del filo da torcere al serbo per gran parte del primo set, salvo poi crollare al tie-break e sparire pian piano nel secondo parziale.

Il match è cominciato con un immediato break di Struff ai danni di Djokovic, ancora troppo distratto. Il tedesco è riuscito a rubare il servizio un’altra volta e a portarsi sul 5-2, ma quando si è ritrovato a servire per il set contro il numero 2 del mondo gli è venuto il più classico dei “braccini” e si è fatto rimontare tutto lo svantaggio. Poi al tie-break l’esperienza di Djokovic nel giocare sotto pressione ha avuto la meglio e il serbo si è imposto 7-1, chiudendo così sul 7(6).

Nel secondo set Nole ha solo dovuto controllare il risultato, ha rubato subito il servizio all’avversario e ha chiuso in scioltezza sul 6-3. Nel prossimo turno Djokovic è atteso dall’argentino Horacio Zeballos, contro il quale non ha precedenti, che oggi ha battuto in tre set il tedesco Florian Mayer.

Oggi è sceso in campo anche Paolo Lorenzi, che è stato battuto in tre set dallo spagnolo Nicolas Almagro. L’azzurro ha perso il primo set al tie-break dopo che l’avversario gli ha annullato due set-point sul 5-4 e un altro sul 6-5. Lorenzi si è portato avanti 2-1 nel tie-break, ma ha poi ceduto i sei successivi e così Almagro si è imposto 7-2.

Nel secondo set, invece, Lorenzi è riuscito a vincere quattro game consecutivi, annullando tutte le palle-break ottenute da Almagro, ha ceduto il servizio sul 5-2, ma poi, dopo che lo spagnolo ha tenuto il proprio turno in battuta, ha chiuso sul 6-4. Nel terzo set ognuno dei due giocatori ha difeso la propria battuta fino all’ottavo game, quando Almagro è riuscito a strappare il servizio a Lorenzi e ha poi potuto chiudere il set sul 6-3 e il match 2-1.