Lega e M5S attaccano Renzi, Salvini: “È un pallone gonfiato” | Di Maio: “Stop all’era dei voltagabbana”

Salvini e Di Maio attaccano a distanza e con argomentazioni non troppo diverse il leader di Italia Viva Matteo Renzi che oggi chiude la Leopolda 10

di remar


Matteo Salvini e Luigi Di Maio contro Renzi. I due ex alleati di governo attaccano con argomentazioni diverse nei toni ma simili nella sostanza il leader di Italia Viva che dopo esser stato alla regia del Conte bis ha lasciato il Pd e fondato il suo nuovo partito, sempre assicurando il sostegno all’esecutivo. Un sostegno ovviamente pieno di distinguo.

L’ex premier in questo weekend è stato impegnato con la Leopolda numero 10, che si chiude oggi. La prima alla guida di Italia Viva.

“Stasera tutti i tg daranno come prima notizia Renzi e la Leopoldina… Uno che rappresenta il 3% degli italiani. Un pallone gonfiato, un ladro di democrazia che probabilmente non lo vota più nemmeno suo padre” attacca Salvini parlando a Todi per un incontro elettorale. In Umbria il 27 ottobre si vota per le Regionali.

All’attacco di Renzi va anche Di Maio secondo cui in politica: “L’epoca dei voltagabbana deve finire, si tratta del rispetto del voto dei cittadini. Non c’è accordo in maggioranza sul vincolo di mandato, ma se non si può cambiare la costituzione almeno modifichiamo i regolamenti parlamentari”.

Il leader del M5S e ministro degli Esteri ha fatto riferimento in particolare a quanto detto da Renzi negli ultimi giorni sui nuovi parlamentari in entrata nel suo partito, dalle fila di Forza Italia e dem. D’altra parte che Renzi guardi al centro (destra) non è mai stato un segreto. Anche oggi dal palco dell’ex stazione di Firenze il fu segretario Pd ha lanciato un appello a “dirigenti e militanti” del partito di Berlusconi.