Quarto Grado puntata 15 marzo 2013

La violenza contro le donne è l’argomento al centro del nuovo appuntamento con Quarto Grado, il programma di Retequattro condotto da Salvo Sottile, in onda stasera dal centro Palatino di Roma alle ore 21.10.

Intervista a Maria Celentano per la scomparsa di Angela

Maria Celentano: Angela ci ha regalato la consapevolezza di essere delle persone speciali. Abbiamo capito, grazie a lei, che possiamo dare un aiuto a chi soffre. Angela mi chiamava sempre per attirare su di sé l’attenzione. La fede ci ha dato la possibilità di rimanere a galla e non finire nel precipizio. Adesso abbiamo iniziato il conto alla rovescia perché, speriamo, che un giorno riuscire ad abbracciare Angela.

Morte Yara Gambirasio: a che punto sono le indagini?

Le celle telefoniche dimosterebbero che i cellulari, tra le 18:32 e 18:56, di Yara Gambirasio, Roberto Benozzo e Mohammed Fikri aggancerebbero diverse zone. Dopo aver cenato in un ristorante a Brembate di Sotto (come confermato da una cameriera), i due si sarebbero diretti verso il cantiere di Mapello dove sarebbero rimasti tutta la notte (come testimoniato dallo stesso custode). La prossima settimana, nuovi interrogatori al marocchino (indagato per favoreggiamento) e l’ex fidanzata. Nel frattempo, è stata riesumata la salma di Guerinoni per dimostrare il legame con il presunto assassinio.

Giorgio Portera (consulente famiglia Gambirasio): Avevamo richiesto questi test già da giugno. Con la riesumazione potremo dire che quel Dna appartiene a quella determinata persona. Sarà più utile per tutti leggere i tanti faldoni che riguardano le indagini. Così potremmo fare nuove proposte.

Foto esclusiva della famiglia Gambirasio nei momenti più felici.

Quarto Grado puntata 15 marzo 2013

Quarto Grado puntata 15 marzo 2013
Quarto Grado puntata 15 marzo 2013
Quarto Grado puntata 15 marzo 2013

Trovati reperti di Roberta Ragusa?

Colpo di scena sulla scomparsa di Roberta Ragusa: gli inquirenti avrebbrero trovato dei reperti (indumenti o ossa del cavadere della donna) in un sito rimasto segreto. Dopo Pasqua, sarà interrogato Antonio Logli, unico indagato per l’omicidio.

Procuratore di Pisa Ugo Adinolfi: Non ho niente da dire su questo punto. Non so chi possa aver detto queste cose.

Ergastolo per Renzo Dekleva assassino di Lucia Manca?

Chiesto l’ergatolo per Renzo Dekleva, il presunto assassino di Lucia Manca, la bancaria di Marcon ritrovata in un dirupo a Cogollo del Cengio. I familiari della donna sono stati piuttosto infastiditi dal comportamento tenuto in udienza dell’ex compagno che, tramite gli avvocati, porterà nuovi elementi per provare la propria innocenza:

Francesca Crispi: Ha assunto un atteggiamento molto meschino verso la moglie attribuendole il vizio del gioco, tentativi di usura e la presenza di altri uomini.

La foto dello scandalo (e del tradimento consumato) che avrebbe innescato la miccia dell’omicidio. Anche le ristrettezze economiche (lo scooter sequestrato, i soldi spostati dal conto in comune) avrebbero peggiorato la situazione.

Daniela Sabotig uccisa da Ivan Zucchelli?

Cosa è successo a Daniela Sabotig, deceduta lo scorso 5 febbraio in seguito ad un presunto incidente stradale. Orfana di padre e segnata da un matrimonio finito per la sua disabilità fisica, otto anni fa, ha conosciuto Ivan Zucchelli che, però, ha denunciato diverse volte per percosse. Esistono due polizze sulla vita della donna intestate al nuovo compagno. E’ stata, inoltre, firmata una procura in cui la farmacista intestava gran parte del patrimonio all’albergatore.

Processo per omicidio Fabrizio Pioli

E’ iniziato il processo contro Antonio Napoli, reo confesso dell’omicidio di Fabrizio Pioli, un ragazzo calabrese che ha pagato lo scotto di essersi innamorato della figlia di un boss, Simona. L’ex latitante sarebbe intenzionato a dimostrare la mancata premeditazione attorno al delitto nononstante abbia condotto personalmente gli inquirenti nella buca di un casolare nelle campagne di Melicucco:

Antonio Pioli (papà di Fabrizio): La solidarietà fa piacere. C’è tanta gente che ci sostiene. Abbiamo trovato mio figlio in condizioni pietose. L’hanno massacrato di botte. Si sono accaniti ad ucciderlo. L’hanno anche bruciato con la benzina. Gli hanno fatto fare una brutta morte. La giustizia farà il suo corso. Chi ha sbagliato deve pagare. Una sola persona non è riuscita a fare tutto quello in così poco tempo.

Entro mercoledì – giovedì dovrebbero svolgersi i funerali dopo tutte le perizie del caso. Nel frattempo, tramite il proprio avvocato, Simona, che non si è costituita parte civile, ha deciso di non esprimere alcun giudizio sulla vicenda per proteggere il figlio di tre anni.

Sarah Scazzi conosceva segreti inconfessabili?

Arringa di Nicodemo Gentile (legale famiglia Scazzi): Questo è il processo di un massacro di una bambina. Sarah, che avrebbe dovuto comp non doveva essere uccisa ma anche sparire ed essere annientata. E’ stata messa, infatti, sottoterra. E’ la storia delle coscienze buie e nere come il fondo del pozzo dove il becchino di Avetrana (Michele Misseri) l’ha messa dentro come un frigorifero che non funziona. Concetta è stata ferita quando non ha potuto né vedere, né accarezzare, né baciare per l’ultima volta la figlia all’obitorio di Bari. Sarah non esiste più. Abbiamo avuto di vedere quel mostro, qualcosa che non si trova in natura. Non date la possibilità alla mamma di sapere la verità perché Sabrina e tuo padre vi siete contraddetti. Fateci sapere quale è la verità. Sarah è stata massacrata in casa dei parenti, dove doveva sentirsi sicura. E’ andata con le sue gambe nell’abitazione dei suoi carnefici. E’ un massacro con modalità a sfondo mafioso. Sarah doveva essere squagliata.

L’intervento di Nicodemo Gentile in studio: Le lacrime di Sabrina? E’ stato un momento altamente molto emotivo. Il processo ha dimostrato che Sabrina mente. Perché lo fa? Nasconde qualcosa e le abbiamo semplicemente detto di aiutarci a capire la verità! E’ stata una forte umiliazione per Concetta non essere aiutata da quelle stesse persone che vedevano Sarah come la mascotte del gruppo. Sono state messe in piedi testimonianze addomesticate per paura dell’ispettorato al lavoro. Michele deve ritornare a fare il padre e difendere la figlia Sabrina, perché sa cosa è successo quel pomeriggio.

Il percorso compiuto da Sarah Scazzi, Cosima Serrano e Sabrina Misseri, accusate di sequestro di persone. Sono state studiate le abitudine di parcheggio delle due donne e il racconto del sogno/realtà del fioraio, indagato per false dichiarazioni (intenzionato, pero’, a proteggere la propria vita privata e far scemare il pettegolezzo sulla presunta relazione con Vanessa Cerra).

E se Sarah come una pedina fosse stata coinvolta nei giochi a sfondo erotico di Sabrina, intenzionata a mostrarsi ad Ivano come una dea del sesso?

Il testimone Biagio Fusarò vide passeggiare assieme Sabrina e Sarah nella mattina del delitto (intorno alle 12:00).

Il legale di Misseri sostiene che il contadino di Avetrana si un brav’uomo semplicemente confuso:

Avvocato del Comune di Avetrana: Michele non è un delinquente. Ama la figlia incondizionatamente e vive da solo nella natura. Dice il vero, quando si sofferma sulle bugie diventa ridicolo. Vuole bene a Sarah e non l’abbandono dall’Inferno dove lui la depone.

Quarto Grado puntata 15 marzo 2013, gli argomenti di oggi

Nel corso della puntata, il settimanale a cura di Siria Magri si occupa del processo per la morte di Sarah Scazzi. Si tratta realmente di un complotto di famiglia, come sostiene l’accusa? Quanto c’entra l’ossessione di Sabrina nei confronti di Ivano?

A seguito della richiesta d’ergastolo per Renzo Dekleva, presunto assassino della moglie Lucia Manca, la trasmissione dà conto della morte della bancaria di Marcon (in provincia di Venezia), scomparsa il 7 luglio 2011 e i cui resti sono stati ritrovati mesi dopo sotto un ponte nel vicentino. Infine, Sottile, con Sabrina Scampini, aggiorna i telespettatori sui casi di Roberta Ragusa e Daniela Sabotig. Su Crimeblog, il consueto liveblogging della serata.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Sarah Scazzi

Tutto su Sarah Scazzi →