Berlusconi e i test di sanità mentale

Giusto un paio di giorni fa, si parlava della top five (diventata poi quasi top ten grazie ai commenti) delle bestialità della campagna elettorale. Scusate se ci torno, ma dopo aver sentito l’ultima uscita di Berlusconi, quella classifica ha di diritto una new entry. Il Cavaliere, durante un comizio a Savona, ha proposto un “esame

di alet

Giusto un paio di giorni fa, si parlava della top five (diventata poi quasi top ten grazie ai commenti) delle bestialità della campagna elettorale. Scusate se ci torno, ma dopo aver sentito l’ultima uscita di Berlusconi, quella classifica ha di diritto una new entry. Il Cavaliere, durante un comizio a Savona, ha proposto un “esame di sanità di mentale per i Pubblici Ministeri”. Anzi, ha fatto di più, non si è limitato a parlare di un ipotetico esame da fare prima di intraprendere la carriera di PM, ma di “controlli periodici che attestino la sanità mentale dei pubblici accusatori”.
Benissimo, se vogliamo fare dei controlli sulla salute della psiche di qualcuno allora non limitiamoci ai Pubblici Ministeri, ma allunghiamo la lista.

Esame di sanità mentale ai deputati e senatori “candidati” così evitano uscite come “pronti ad imbracciare i fucili”.
Esame di sanità mentale ai deputati e sentori “eletti e praticanti” giusto per prevenire proposte come “il gelato alla bouvette” e non si vedano più scende di gente che esulta per la caduta di un governo mangiando mortadella.
Esame di sanità mentale ai Procuratori Generali perchè non accadano più casi di revoca delle indagini a carico di personalità politiche.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →