Luka Magnotta, udienza preliminare per il killer cannibale di Montreal

Si è aperta questa mattina a Montreal l’udienza preliminare a carico di Luka Magnotta, il killer cannibale canadese finito in manette dopo una rocambolesca fuga in Europa per l’omicidio e la mutilazione del 33enne cinese Lin Jun, fatto a pezzi nel maggio dello scorso anno a Montreal, non prima di aver piazzato una videocamera a

Si è aperta questa mattina a Montreal l’udienza preliminare a carico di Luka Magnotta, il killer cannibale canadese finito in manette dopo una rocambolesca fuga in Europa per l’omicidio e la mutilazione del 33enne cinese Lin Jun, fatto a pezzi nel maggio dello scorso anno a Montreal, non prima di aver piazzato una videocamera a riprendere il tutto ed aver preparato i plichi da riempire coi resti del giovane e spedirli in giro per il Canada.

Le accuse per il 29enne, nato Eric Newman, sono pesantissime: omicidio di primo grado, oltraggio di cadavere, pubblicazione di materiale osceno (in merito al video dell’uccisione della vittima), uso offensivo del sistema postale (per la spedizione di parti del corpo di Lin Jun) e minacce al Primo Ministro del Canada Stephen Harper. Lui si è dichiarato innocente e questa udienza preliminare servirà proprio a fare un riepilogo della situazione e capire se ci sono elementi sufficienti per procedere col processo vero e proprio.

Al momento non si è ancora arrivati ad una decisione. Visto l’eco mediatico generato da questa brutale vicenda, l’attenzione della stampa è altissima e il legale del giovane, l’avvocato Luc Leclair, hanno chiesto ai giudici di poter bandire tutti i giornalisti, impedendo loro di fornire informazioni in tempo reale dall’aula. Se la richiesta dovesse essere accettata, le uniche persone presenti alle udienze saranno l’imputato, i giudici e i rappresentati di accusa e difesa, oltre ai dipendenti del Tribunale.

Il giudice si è già ritirato in camera di consiglio. La decisione, salvo colpi di scena, è attesa per domani mattina. L’udienza di oggi, quindi, è stata aggiornata e l’imputato, presente in aula così come i familiari della vittima, è stato ricondotto in carcere.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →